Frascati, approvato il Consiglio Comunale dei Giovani

0
769
palazzomarconi
Palazzo Marconi, l'edificio che ospita il Comune di Frascati e alcuni suoi uffici
Palazzo del Comune di Frascati
Palazzo che ospita il Comune di Frascati

Frascati, approvato il nuovo Regolamento

del Consiglio Comunale dei Giovani

Il Consiglio Comunale dei Giovani è diventato una realtà. Nella seduta consiliare di oggi, giovedì 10 marzo 2016, è stato approvato il Regolamento che disciplina l’accesso a questo nuovo organo consultivo della Città di Frascati, che consentirà a tanti giovani che si vogliono avvicinare ai meccanismi che regolano le scelte democratiche di un comune di fare un’esperienza significativa. Il Regolamento è stato votato all’unanimità dei presenti (11 voti).

Si tratta di un organo di rappresentanza, eletto a suffragio universale da tutti i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, residenti nel territorio comunale. Gli eletti resteranno in carica per 3 anni. La creazione dei C.C.G. in Italia è stata sancita dalla legge 285 del 28 agosto 1997 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l’infanzia e l’adolescenza). La Regione Lazio ha emanato il 6 ottobre 2003 una legge regionale che prevede la Promozione del consiglio comunale, municipale o sovra comunale dei giovani.

«Con l’approvazione del Consiglio Comunale dei Giovani un altro punto del programma elettorale è stato realizzato – dichiarano l’Assessore al Patrimonio e alla Partecipazione Democratica Damiano Morelli e la Consigliera Delegata alle Politiche Giovanili Miriam Trobbiani -. Siamo soddisfatti che Frascati si sia dotata di questo nuovo strumento di partecipazione democratica che potrà far avvicinare tanti giovani all’istituzioni civiche, insegnando loro i meccanismi che regolano la vita pubblica dei comuni e probabilmente trasmettendo anche quelli che sono i valori di una attività amministrativa che deve essere rivolta sempre al bene pubblico. Siamo convinti che tutti coloro che si impegneranno nel Consiglio Comunale dei giovani avranno più a cuore la loro città e l’importanza di tutelarla, di difenderla e di conservarla».

Print Friendly, PDF & Email