Frascati, Giombetti sulla tutela degli animali

Nota dell’Amministrazione tuscolana relativa all’ultimo episodio di abbandono di animali a Frascati. Le parole dell'Assessore Giombetti

0
278
animali_sequestrati_frascati
Animali sequestrati a Frascati

«In merito all’ultimo, vergognoso, episodio che ha riguardato il rinvenimento di cinque cuccioli di gatto appena nati, riposti in una scatola di cartone e abbandonati in una via del centro, intendo ringraziare il Presidente dell’Associazione di Guardie zoofile “Accademia Kronos onlus”, che ha tempestivamente risposto alla segnalazione di una nostra brava concittadina, e la Presidente di “Tendi la Zampa Onlus, che li ha sottoposti prima ad una visita veterinaria e poi li ha affidati alla cura di una giovane mamma micia che ora li allatta insieme ai suoi cuccioli – dichiara l’Assessore alla Tutela degli animali Giacarlo Giombetti -.

«Colgo l’occasione per far presente che allo scopo di informare, prevenire e reprimere ogni forma di violenza sulle varie specie animali, vaganti e d’affezione che vivono sul territorio del nostro comune, la Polizia locale sarà presto coadiuvata da un servizio di vigilanza curato da un’associazione di Guardie Zoofile – ha proseguito l’Assessore».

«Credo che solo attraverso la fattiva collaborazione delle associazioni con il nostro Ufficio e gli altri enti preposti alla tutela degli animali, riusciremo ad eliminare comportamenti non degni di una società civile – conclude Giancarlo Giobetti -. Frascati vanta una bella e invidiata tradizione di città accogliente e tollerante, che cura i diversi e i deboli, è ora che questa enunciazione venga estesa, nei fatti, a tutti gli esseri viventi presenti sul nostro territorio».

Per conoscenza si ribadisce che, chi si rende responsabile dell’abbandono di gatti o cani o altre specie animali, incorre nelle disposizioni dell’Art. 727 del Codice Penale che così recita: Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze.

Pertanto l’Assessorato alla Tutela degli Animali invita i cittadini a contattare l’Ufficio Tutela Animali, per eventuali problemi riguardanti l’accudimento e la detenzione di animali e a segnalare, sempre, abbandoni o maltrattamenti.

 

Print Friendly, PDF & Email