Frascati, la giunta approva il bilancio

0
698
palazzomarconi
Palazzo Marconi, l'edificio che ospita il Comune di Frascati e alcuni suoi uffici
Palazzo del Comune di Frascati
Palazzo che ospita il Comune di Frascati

La Giunta Comunale di Frascati ha adottato il 28 aprile scorso, lo schema di Bilancio di previsione del 2016. Il dato positivo è che non ci sarà nessun aumento per i cittadini di Frascati sul fronte delle tasse comunali e delle tariffe per i servizi (mense scolastiche, scuolabus, etc…). «Si tratta di un grande risultato, che ha richiesto attente valutazioni su ogni singola voce di spesa, per raggiungere un saldo finale che non vada a gravare con nuovi aumenti i cittadini di Frascati, che già faticano a far quadrare i conti a causa dell’involuzione strutturale dell’economia italiana – dichiara il Sindaco di Frascati Alessandro Spalletta -. È un risultato che abbiamo ottenuto lavorando proficuamente con i Dirigenti e gli uffici comunali, che ringrazio per l’impegno e la professionalità dimostrata, e di tutta la Maggioranza che ha saputo trovare il giusto equilibrio tra esigenze differenti».

L’altra importante notizia che si ricava dall’approvazione del Bilancio di previsione 2016 è che resterà invariata la spesa per il sociale, una tra le voci più importanti del Bilancio, basilare per sostenere e aiutare le famiglie frascatane in emergenza economica. Inoltre sono stati garantiti i fondi per i servizi fondamentali del Comune di Frascati, mentre grande impegno è stato profuso per contenere la spesa residua.

Insomma, un risultato positivo, ottenuto nonostante lo Stato per il 2016 abbia diminuito i suoi trasferimenti al Comune di Frascati e nonostante il Bilancio 2016 preveda anche il pagamento della rata annuale del debito contratto con Cassa Depositi e Prestiti e la quota, anch’essa annuale, sui residui di dubbia esigibilità. Quest’ultima va a coprire in pratica il disavanzo di amministrazione che si è generato con il rendiconto 2014 sui residui attivi derivanti dalle precedenti Giunte e che graverà per gli anni a venire sul Com

Print Friendly, PDF & Email