Frascati, la sociologa Roberta Tarsitano in campo con Fabio Polli

0
1779
robertatarsitano
Dott.ssa Roberta Tarsitano
robertatarsitano
Dott.ssa Roberta Tarsitano

POLITICA – La drammatica storia di Nadia, la 14enne di Fontaniva (Pd) che si è suicidata dopo essere stata vittima del «cyberbullismo», ovvero dei continui attacchi che i suoi coetanei le rivolgevano attraverso un social network su internet («Sei una ritardata, grassa e culona. Fingi di essere depressa per attirare l’attenzione… Sei patetica»), è solo l’ultima di una lunga serie di vicende che turbano il mondo degli adolescenti, molte delle quali, purtroppo, finiscono in tragedia. Quando non è capitato, mai i fatti sono stati anch’essi di enorme gravità, è stato solo per fortuna.

E’ sempre di pochi giorni fa, infatti, l’episodio di bullismo «al femminile» accaduto a Bollate (Mi), che su internet ha spopolato finendo all’attenzione della cronaca nazionale.

Una 16enne attacca una sua coetanea con una violenza inaudita, mentre tutti i compagni riprendono la scena con i loro telefonini e aizzano la rabbia dell’aguzzina. Il grido disperato della vittima sembra inascoltato. Timidi appaiono i tentativi di coloro che cercano di porre fine alla tragedia, che dipinge un quadro opaco e avvilente, forse non troppo distante dalla realtà che ci circonda, un quadro che sarebbe sciocco guardare a distanza, senza fare prevenzione tra i giovani.

Frascati, infatti, è la cittadina dei Castelli Romani più frequentata da adolescenti e ragazzi per i suoi numerosi istituti scolastici, pubblici e privati, ma anche per le numerose attrattive del divertimento e della ristorazione che essa offre.

La vicinanza con Roma e la sua estrema periferia, rappresentata da quartieri che vivono da tempo situazioni allarmanti per l’escalation criminale in corso (a Tor Bella Monaca sono stati uccisi due giovanissimi nelle ultime settimane), non può certo far dormire sonni tranquilli ai vertici delle istituzioni locali, che rappresentano da sempre il primo baluardo di sicurezza e tenuta sociale.

Per questo motivo, in vista delle prossime elezioni Comunali, Fabio Polli, candidato sindaco del Movimento Popolare Tuscolano sta già lavorando a un programma di governo dove grande attenzione sarà riposta alla prevenzione dei fenomeni del bullismo e all’educazione alle relazioni e cittadinanza di genere.

Ad occuparsene in prima persona, coordinando un team di lavoro qualificato, sarà la dott.ssa Roberta Tarsitano, sociologa, Ispettore Capo nel Servizio di cooperazione internazionale di Polizia (Interpol), esperta in Comunicazione nella Pubblica Amministrazione e con esperienze nella Polizia Postale, Digos e in precedenza al Reparto Minori del Penitenziario di massima sicurezza di «Sollicciano», a Firenze, come dipendente del Ministero della Giustizia.

«Anch’io – spiega la dott.ssa Tarsitano – ho una figlia in età scolastica e per il lavoro che svolgo alla Direzione Centrale Anticrimine conosco bene i pericoli che corrono i nostri bambini e ragazzi. E’ un momento molto delicato e dobbiamo fare il massimo per sostenere le istituzioni che insieme alla famiglia si occupano di loro. Nel nostro progetto per il governo di Frascati proporremo tutta una importante serie di Corsi e Attività nei campi della prevenzione e della sicurezza, con particolare riferimento alla prevenzione del bullismo, all’educazione alle relazioni e cittadinanza di genere.

In particolare – aggiunge la sociologa – avvieremo con la nuova Amministrazione comunale del sindaco Fabio Polli, se i cittadini ci daranno la loro fiducia, dei seminari formativi per docenti della scuola Primaria e Secondaria dove saranno trattate tematiche relative alle dinamiche relazionali e di gruppo e le tecniche di comunicazione più efficaci con particolare riguardo all’influenza manifesta o occulta delle nuove tecnologie del linguaggio. In essi, saranno presi in esame i possibili comportamenti discriminatori di genere e di gruppo, stimolando la ricerca di scelte alternative di responsabilità e di valore etico. Sarà affrontato il fenomeno dell’aggressività e dell’aggressione, tipiche del momento adolescenziale, e proposte strategie e metodi per riconoscerle, prevenirle e gestirle in maniera più efficace, anche ai fini di una comunicazione più utile».

47 anni, mamma di una liceale, la dott.ssa Tarsitano risiede a Frascati da alcuni anni (ma già in precedenza sua figlia ha frequentato le scuole locali), Città della quale già conosce pregi e difetti.

«Insieme con altre eccellenze del territorio che saranno via via presentate nei prossimi giorni – dice Fabio Polli, candidato sindaco del Movimento Popolare Tuscolano e della lista civica Frascati Nostra – ci prepariamo a formare una squadra eterogenea, nella quale troveranno posto giovani, personalità radicate sul territorio e di esperienza amministrativa, con personaggi dall’alto profilo professionale e istituzionale come la dott.ssa Tarsitano, che siamo ovviamente felicissimi di avere tra i nostri sostenitori perché ne conosciamo le potenzialità e il corposo curriculum».

«La nostra Amministrazione comunale – dice il candidato sindaco Fabio Polli – punterà moltissimo sulla Sicurezza nelle Scuole, dove potenzieremo i Corsi di formazione per il personale e i docenti in base alle normative in materia, con particolare riguardo al Primo Soccorso e alle norme Antincendio. Con le autorità preposte potenzieremo le attività informative sul Rischio Terremoto e altre calamità naturali, vigilando in primis sulla messa a norma degli edifici scolastici».

«Naturalmente – conclude Roberta Tarsitano – ci occuperemo anche di molto altro, a cominciare da chi il percorso di studi di base lo ha finito e deve orientarsi verso il mondo dell’università e del lavoro; daremo spazio a Corsi di lingue straniere per qualificare il nostro personale comunale e della STS; potenzieremo le relazioni con l’estero per giovani e anziani, con questi ultimi avvicinati al mondo di Internet attraverso Corsi a loro dedicati; sosterremo scuole di formazione per artigiani e artisti locali attraverso seminari e convenzioni con primarie realtà della Capitale. Frascati sarà sempre di più una Città “a formazione permanente”, perché dalla conoscenza, nasce quel percorso qualificante che porta a migliorare la qualità della vita».

Print Friendly, PDF & Email