Frascati, Strati a tutto campo nella conferenza stampa di fine anno

0
928
csstrati
Conferenza stampa di fine 2016 al Comune di Frascati con il Commissario Strati
csstrati
Conferenza stampa di fine 2016 al Comune di Frascati con il Commissario Strati

Venerdì 30 dicembre dalle ore 12:30, presso la Sala degli Specchi del Palazzo comunale di Frascati, si è tenuta la conferenza stampa di fine anno del Commissario prefettizio Dottor Bruno Strati, che dal 2 agosto 2016 sta guidando il Comune tuscolano dopo la caduta dell’Amministrazione Spalletta. Quella di Strati più che una conferenza stampa è stato un monologo-bilancio dei suoi 4 mesi abbondanti di mandato. “La mia è un’esperienza nuova” con queste parole il Commissario ha esordito nel suo lungo intervento con al fianco il segretario generale Dottor Senzio Barone, la comandante dei Vigili Urbani cittadini Dottoressa Barbara Luciani e alcuni dirigenti comunali. Strati ha voluto ringraziare i revisori dei conti e stilare un analitico bilancio del lavoro fatto. “Non siamo in difficoltà” così il funzionario pubblico ha voluto analizzare il superamento delle criticità sul bilancio comunale, che avevano contribuito a segnare la fine dell’esperienza Spalletta. Parole chiare quelle di Strati, che ha parlato di superamento dell’empasse grazie al “rapporto di fiducia con revisori dei conti” fondato su uno scambio di informazioni che avuto un effetto positivo sul gravoso lavoro da svolgere. Tanti i temi toccati dal Commissario come quello della riorganizzazione amministrativa, con una riflessione sui dirigenti (5) in seno all’amministrazione frascatana definiti “una ricchezza” e lodati per “l’elevata professionalità”. Ha negato la riduzione del loro numero, ma parlato di “un processo di diminuzione dei costi” iniziato in questi mesi dando “fiducia agli interni” e preannunciando degli aggiustamenti già dal primo gennaio 2017. Inoltre ha sottolineato come a Frascati occorra continuare a rafforzare la figura del segretario generale, soprattutto dopo l’eliminazione della figura del capo di gabinetto, lodando il nuovo nucleo valutazione che aiuterà nel progetto di contenimento costi che interesserà tutte le attività: verranno ridotte le posizioni accorpando le competenze senza opera tagli lineari. Una vera propria riorganizzazione che è iniziata nel 2016 e che proseguirà nel 2017, sottolineando i buoni rapporti con i sindacati che hanno portato al nuovo contratto decentrato e che porteranno a prossimi nuovi accordi come sulle performance di dipendenti e dirigenti comunali. Un breve cenno ad Sts con l’introduzione dell’atto di indirizzo per l’assunzione del personale della società e in generale Strati ha ragionato su una serie di “ritocchi necessari per una macchina così complessa come quella di un Comune come Frascati”. Spazio poi al tema Sicurezza, una problematica che in estate proprio con l’avvento del Commissario ha visto protagonista la Comandate Luciani che grazie alla sinergia tra tutte forze di polizia presenti sul territorio, in un clima collaborativo, ha sviluppato il progetto Frascati sicura, subito firmato ad inizio mandato ad agosto 2016. Inoltre un plauso all’innovazione del corpo di Polizia locale con l’auspicio di risultati concreti a partire dalla prossima estate a Frascati ‘che verrò a visitare da turista’, ha chiosato così Strati. Inoltre il Commissario ha suggerito l’introduzione di un “protocollo d’intesa con le altre forze di polizia per il periodo estivo”. Sulla Ztl parole nette, dopo i ricorsi di alcuni cittadini e le sentenze sfavorevoli al Comune: “non ci devono abbattere e dobbiamo correre ai ripari come abbiamo cominciato a fare con la sospensione fino al 15 gennaio” questo lo Strati pensiero che ha parlato di un nuovo progetto con la diminuzione dei varchi e una serie di misure per  venire incontro alle esigenze dei cittadini, rispettando i dettami del giudice di Pace di Velletri. “Va fatta chiarezza – ancora Strati sull’argomento – non si discute la Ztl, ma le sue modalità”. Anticipata l’intenzione di istituire un gruppo di lavoro formato dall’ufficio tecnico comunale, dall’STS e dalla Polizia Locale per la fine di gennaio 2017 su questo tema. Sui Rifiuti ha lodato i controlli portati avanti dal gruppo di lavoro delle forze dell’ordine coordinato dalla stessa Comandate Luciani e sulle Scuole ha parlato dell’importanza posta dall’Amministrazione sulla sicurezza nell’ambito dell'”istruzione sul nostro territorio”, citando lo sforzo profuso nel piano triennale delle opere pubbliche per destinare risorse a questo scopo. Sempre nel piano triennale spazio per le misure anti incendio nelle scuole portando l’esempio di Villa Sciarra, in particolare per la situazione di “incresciosa” conviveva tra liceo e scuola materna: Strati ha parlato di misure da prendere anche per risolvere la problematica del Cpa. Sugli aumenti legati ai costi scolastici il Commissario è stato lapidario parlando di “costi che il Comune sta coprendo per l’80% e che su ticket, mensa e scuolabus sta portando ad adeguamenti più che aumenti di costi”. Si chiedono sacrifici possibili anche nel quadro di una gestione oculata portata avanti nel lavoro commissariale. Sui Lavori Pubblici ha parlato di opere in esecuzione, senza sottacere il caso delle Scuderie Aldobrandini, che sono un simbolo della città, ma anche devono diventa anche “fonte di entrata”, come per esempio le cosiddette Mura del Valadier con l’adeguamento del certificato anti incendio. Inoltre ha spiegato gli interventi nelle periferie tuscolane come nella piazza di Vermicino secondo “un’attenzione che non deve mancare per le zone lontane dal centro abitato”.  Sul caso dell’immobile occupato per anni dall’Istituto Maestre Pie Filippini ha ricordato come sia stato proposto alla Guardia di Finanza che non ha ancora sciolto riserva dopo alcuni sopralluoghi fatti e da fare nelle prossime settimane. Strati ha parlato di un inevitabile ristrutturazione per rendere la struttura alienabile. Nel quadro dei Trasporti locali ha parlato di come sia stato sdoppiato il Trasporto pubblico scolastico da Trasporto pubblico locale, con una gara da bandire entro metà gennaio per mettere alla fine alla proroga che interessa il Trasporto pubblico scolastico. “Dopo le feste mi farò carico di organizzare un incontro con comuni del circondario con Frascati capofila per organizzare una gara per affidare tale servizio, una soluzione di ambito più estesa venendo incontro alle sollecitazioni della Regione Lazio”. Sull’Ambiente ha parlato della “fine della protogatio” con la soluzione individuata dalla vecchia Amministrazione di una collaborazione con “Ambiente Spa” che va rivista dopo le criticità sollevate sul controllo analogo. “Le modifiche statutarie chieste ad Ambiente Spa è la soluzione più veloce, mi impegno a chiudere la vicenda entro la fine del mio mandato e l’ente ciampinese ha già fatto delle aperture in tal senso che siamo analizzando per addivenire ad un accordo definitivo”. Sul Patrimonio ha parlato Strati di beni utilizzabili e da destinare: sui locali pubblici ha rivendicato l’introduzione di un  regolamento per le associazioni con la ristipulazione di una convenzione che porti all’accollamento delle spese dei locali a carico di chi usufruisce del bene “l’Amministrazione non può sostenere più queste spese e costi” ha chiosato Strati. Ha posto l’attenzione poi sugli immobili di pregio che “dopo le autorizzazioni hanno bisogno di interventi” portando l’esempio del Mercato Coperto con un “piano inferiore da occupare con più attività oltre le due operanti adesso e quello superiore da sfruttare appieno”. Sul tema dell’emergenza abitativa il Commissario ha posto l’accento sulla forte domanda di alloggi popolari, ricordando il caso sollevato in questo ultime ore all’interno del Parco dell’Ombrellino. Strati inoltre ha parlato della necessità di alienare alcuni locali commerciali, parlando di alcune richieste di acquisto giunte in Amministrazione e in fase di analisi da parte degli uffici competenti. Inoltre ha parlato del confronto con il municipio di Roma confinante con Frascati sul tema della riapertura dei termini per pagare gli usi civici. Sulle attività culturali Strati ha rivendicato l’attenzione alle “richieste ricevibili” –  tutte i verità si è affrettato a chiarire – arrivate in questi mesi, ricordando l’autorizzazione a patrocinare eventi legati al sociale, all’economia cittadina e allo sport. Un esempio il Protocollo firmato per Villa Falconieri con l’Accademia Vivarium Novum. Il Commissario prefettizio ha ricordato la cabina di regia che ha portato alla delibera su impianti sportivi in un territorio in cui sono protagoniste le società sportive di calcio, atletica e rugby, di eccellenze come lo Scherma Frascati. Tutto questo “coniugando le esigenze delle società storiche con quelle dei sodalizi sportivi recentemente costituiti” rivendicando la scelta “di far condividere le aree in comune tra diverse società anche di sport diversi”. Strati ha auspicato la nascita di una “Polisportiva comunale che possa permettere una concessione pluriennale degli spazi in modo di sganciare Comune ed STS da compiti come fare da paciere nei contenzioni ecc.”. Sui Servizi Sociali Bruno Strati ha ricordato come la nomea che ha Frascati a livello nazionale vada “mantenuta, ma anche sostenuta ricercando le risorse economiche necessarie”. Ha ricordato come per rispondere all’emergenza freddo sia stato sboccata la burocrazia per far funzionare la cosiddetta “Casa della Pace e dell’Intercultura” di via Gregoriana. Ha ricordato la destinazione delle ville sequestrate sul territorio per assegnare gli appartamenti ricavati all’interno di esse per le donne vittime di violenza. Ha sottolineato come vanno ponderati i casi, dal punto di vista economico, dei minori da  ospitare nelle case famiglia “per coniugare il compito sociale con i costi in aumento”. Infine ha ricordato con soddisfazione gli incontri con il nuovo direttore sanitario dell’RmH, introducendo il tema della Salute, e ricordando come i nuovi locali dell’Avis devono servire per il servizio trasfusionale ma che debbano avere anche funzioni ambulatoriali. Strati ha rammentato avviandosi alla conclusione della sua relazione il ruolo della Polizia Locale con la protezione Civile, con l’organizzazione di incontri dopo le scosse di terremoto di quest’estate, ricordando come sia necessario trovare una sede “dignitosa” per la Protezione Civile locale. Inoltre ha lodato il gruppo locale che si è distinto nei soccorsi durante lo sciame sismico di questi mesi che ha interessato anche i Castelli Romani. Strati è tornato sul tema dell’Sts parlando del nodo liquidazione e di “parametri e perimetri” da ripensare per la Società Tuscolana Servizi in particolare sul tema delle “funzioni e delle competenze”. Ha espresso rammarico e dispiacere per le dimissioni 2 membri del Cda per cui ha riconosciuto candidamente di non aver “capito le motivazioni” di tale gesto, lodando il clima di lavoro che si era creato tra il Consiglio di Amministrazione e l’ amministrazione commissariale. Un plauso infine al lavoro dell’avvocatura rivelando il progetto di gettare le basi per una convenzione di collaborazione con Grottaferrata nel quadro di una “politica non isolazionistica” come nel caso del protocollo enogastronomico firmato da qualche settimane tra gli operatori del territorio. I saluti e gli auguri di buon anno, in assenza di domande da parte degli esponenti dei media intervenuti assieme a semplici cittadini, esponenti del mondo politico, associazionistico e di chi opera nel sociale ha chiuso l’occasione d’incontro. Strati infine ha auspicato che il “senso di squadra” sviluppato in questi mesi possa continuare per il bene di Frascati e della sua cittadinanza.

Print Friendly, PDF & Email