Genzano, i commenti dopo il consiglio del 20 dicembre

L'Amministrazione guidata dal sindaco Daniele Lorenzon dopo il Consiglio comunale di Genzano di Roma di giovedì 20 dicembre 2018

0
265
Aula consiliare Genzano
Aula consiliare del Comune di Genzano

CONSIGLIO COMUNALE 20 DICEMBRE, LE COMUNICAZIONI DEL SINDACO

Manutenzione straordinaria strade

Nell’ottica di un costante miglioramento della vivibilità urbana e di una riqualificazione degli spazi della città, volevo informarvi che sono stati già affidati i lavori di rifacimento del manto stradale di via Einaudi per un importo complessivo di 13.778,59 euro e di via Stati Uniti 25.017,40 euro. Abbiamo inoltre stanziato 52mila euro per il rifacimento di un primo tratto stradale di via Fatebenefratelli di competenza del Comune.

Città del Vino

Ho letto alcune ricostruzioni molto fantasiose sulla stampa locale in merito alla chiusura della sede legale dell’Associazione nazionale Città del Vino, al momento a Genzano di Roma.

Come sapete nel 2015 è stata inaugurata Palazzo Sforza Cesarini come sede legale e di rappresentanza dell’associazione. Decisione a mio avviso ben poco ponderata, dal momento che sarebbe stato opportuno già all’atto di individuazione prevedere la fattibilità del progetto e capire già prima della delibera se vi erano i presupporti per presidiare una sede legale.

Per rendere una sede legale consona all’uso non basta ‘una sala riunioni, arredata ed accogliente’: è noto a tutti che la sede legale è deputata alla ricezione degli atti ufficiali, non ultimo gli atti giudiziari, che rischiano di non essere correttamente notificati; tale incombenza certamente non può ricadere sul Comune di Genzano ma è onere dell’Associazione che continua a dichiarare di non essere in grado al momento di fornire gli elementi minimi per spostare almeno una parte della sede operativa. Il Comune ha comunque supportato fino ad oggi l’Associazione per tutti gli adempimenti che comporta la sede legale.

Queste sono le perplessità che ho sollevato ai Consigli nazionali dell’associazione Città del Vino dell’11 dicembre 2017 a Roma e del 24 marzo 2018 a Piombino condivise da tutti i membri del Consiglio. Allo stato l’Associazione ha spostato il domicilio fiscale per i motivi già espressi.

Cosa ben diversa è la sede di rappresentanza, che ho richiesto espressamente rimanga a Genzano; lo stesso consiglio nazionale di Piombino ha accettato la mia proposta, in accordo con il presidente dell’associazione, Floriano Zambon. So bene che, anche in virtù della collocazione strategica vicino a un aeroporto e a Roma, ospitare ai Castelli Romani la sede di rappresentanza di Città del Vino può costituire un vantaggio per tutto il territorio, immerso ancora oggi in un’area agricola in cui c’è una produzione di vini di eccellenza.

L’impegno da parte di questa Amministrazione esiste, e lo dimostra la mia conferma a coordinatore regionale dell’associazione, avvenuta il 28 settembre a Nemi, e la partecipazione a “Calici di Stelle” lo scorso 10 agosto. Io e l’assessore allo Sviluppo locale, Francesca Saitta, ci stiamo impegnando in un’ottica di rilancio della vocazione turistica del Palazzo. Siamo costantemente in contatto con le aziende vinicole del territorio, e intendiamo portare avanti questo importante settore: per il 2019 è infatti in programma un importante evento di due giornate sull’Enoturismo, le cui giornate vedranno protagonista l’Associazione, che si è detta lieta di partecipare attivamente alla manifestazione.

CONSIGLIO COMUNALE 20 DICEMBRE, IL COMUNICATO

CONSIGLIO COMUNALE, VIA LIBERA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2019-2021

Il Consiglio comunale di Genzano di Roma ha approvato il bilancio di previsione 2019-2021. Una novità assoluta per il nostro Comune: l’approvazione entro l’anno solare permette infatti di dare continuità a progetti e interventi che saranno finanziabili a partire dal prossimo gennaio.

Sono pochi i Comuni italiani che hanno raggiunto questo traguardo prima di Natale: un risultato importante, reso possibile grazie all’impegno degli uffici comunali preposti. Nel dettaglio, il bilancio di previsione, che prevede un pareggio tra entrate e uscite, risulta pari a 77.056.914,05 euro per l’anno 2019.

“Per la prima volta nella sua storia, Genzano approva Bilancio e Dup entro Natale, in largo anticipo rispetto ai termini di legge, consentendoci di programmare con puntualità le risorse da destinare alla collettività – ha commentato il Sindaco Daniele Lorenzon –. Abbiamo tagliato gli sprechi, abbiamo avviato un serio programma di lotta all’evasione, abbiamo reso più efficiente la riscossione dei tributi. I conti del Comune sono in ordine e nel prossimo anno non ci saranno aumenti, anzi alcune tasse e tariffe sono state ridotte”.

L’ufficio preposto nel 2018 ha avviato un intervento straordinario per accertare le tasse risalenti agli anni scorsi e, quindi, per poter recuperare le relative entrate. Si è agito sulle banche dati e sulle dotazioni informatiche, così che ora gli uffici sono in grado di effettuare tutti i controlli necessari incrociando i dati. Il risultato di questi controlli è l’accertamento di circa 1,5 milioni di euro tra Ici, Imu, Tarsu e Tari. Il doppio, rispetto al 2016. L’attività di riscossione ha portato ad un recupero di oltre 500mila euro nel 2018, in netto aumento rispetto ai 375mila del 2016.

Corposo il piano degli stanziamenti aggiuntivi in alcuni settori strategici: Diritti sociali, politiche sociali e famiglia; Ordine pubblico e sicurezza; Istruzione e diritto allo studio; Turismo; Trasporti e diritto alla mobilità; Sviluppo economico e competitività. Durante la riunione è stato approvato il Documento unico di programmazione (DUP), che permette di delineare le priorità delle attività di governo e di tracciare i bilanci dei traguardi raggiunti.

Disco verde al piano finanziario per la gestione del servizio rifiuti. Come previsto dalla normativa in materia, la Tari deve garantire la copertura integrale dei costi del servizio integrato di gestione dei rifiuti, compresi i costi di smaltimento dei rifiuti nelle discariche, ad esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali. Deliberato il pagamento in quattro rate, con scadenza rispettivamente il: 16 marzo, 16 maggio, 16 luglio e 16 ottobre. L’Amministrazione ha ridotto la Tari complessivamente di 38mila euro; pertanto le tariffe sia per le famiglie che per le aziende registrano una riduzione al momento di piccole entità ma che, con l’introduzione della tariffa puntuale e il nuovo affidamento dell’appalto, diventerà sostanziosa nel prossimo futuro.

Print Friendly, PDF & Email