Giornalisti non per caso in viaggio a Trieste

Gli studenti del Liceo Giovanni Vailati di Genzano nel progetto Giornalisti non per Caso realizzano un reportage sul viaggio di studio a Trieste

0
390
sacrario_redipuglia_montinaro
Sacrario Redipuglia foto di Francesca Montinaro
sacrario_redipuglia_montinaro
Sacrario Redipuglia foto di Francesca Montinaro
sacrario_redipuglia_montinaro
Sacrario Redipuglia foto di Francesca Montinaro

Nell’ambito del progetto di Meta Magazine in alternanza scuola lavoro, gli studenti della IV C del Liceo Giovanni Vailati di Genzano realizzano un reportage sul viaggio di studio a Trieste e sul confine orientale d’Italia. Diario di bordo, cronache, servizi fotografici e video per raccontare una settimana tra storia e vissuto. Sono circa le 7:30 del mattino e la Stazione Termini è già colma di studenti, in partenza per Venezia Mestre. Non è però quella la loro reale meta, appena arrivati in stazione si diriggono verso il Santuario di

sacrario_redipuglia_montinaro
Sacrario Redipuglia foto di Francesca Montinaro
centro_profughi_sellaroli
Centro Profughi foto di Marco Sellaroli

Redipuglia, ovvero il più grande cimitero militare italiano situato a Trieste. Dopo una breve ma intensa spiegazione della guida, il pullman riparte verso il Centro Profughi di Padriciano dove una commovente testimonianza di un ex profugo istriano accompagna gli studenti nel percorso all’interno del campo. Finita anche questa esperienza, il pullman si rimette in moto verso l’hotel Remisens Lucija situato a Portorose (Slovenia) dove finalmente i ragazzi potranno rilassarsi e godere dei servizi, tra cui la piscina interna, che l’hotel offre loro. Dopo la tanto attesa cena, i ragazzi escono per le strade di Portorose per poi tornare in camera per le 23.

centro_profughi_sellaroli
Centro Profughi foto di Marco Sellaroli
centro_profughi_sellaroli
Centro Profughi foto di Marco Sellaroli

 

 

 

 

Servizio a cura di Luca Gigante

Foto di Francesca Montinaro e Luca Sellaroli

centro_profughi_sellaroli
Centro Profughi foto di Marco Sellaroli
Print Friendly