Giornalisti non per caso tra Basovizza e San Saba

Gli studenti del Liceo Giovanni Vailati di Genzano nel progetto Giornalisti non per Caso realizzano un reportage sul viaggio di studio a Trieste

0
616
basovizza_foto_montinaro
Foibe di Basovizza foto di Francesca Montinaro
risiera_san_saba_foto_montinaro
Risiera di San Saba foto di Francesca Montinaro
risiera_san_saba_foto_montinaro
Risiera di San Saba foto di Francesca Montinaro

Nell’ambito del progetto di Meta Magazine in alternanza scuola lavoro, gli studenti della IV C del Liceo Giovanni Vailati di Genzano realizzano un reportage sul viaggio di studio a Trieste e sul confine orientale d’Italia. Diario di bordo, cronache, servizi fotografici e video per raccontare una settimana tra storia e vissuto. I ragazzi stanno per intraprendere un percorso che li porterà nel cuore della storia friulana negli anni delle guerre. La mattinata

risiera_san_saba_foto_montinaro
Risiera di San Saba foto di Francesca Montinaro
sincrotone_foto_montinaro
Sincrotone foto di Francesca Montinaro

inizia presto con la visita alle foibe di Basovizza, luogo simbolo di ingiustizie e di soprusi contro il popolo friulano ai tempi della guerra territoriale contro i crimini perpetrati dai partigiani comunisti jugoslavi del Maresciallo Tito. In seguito si ritorna “al presente” con una visita turistica dell’Area Science Park di Trieste, che con il suo impianto denominato “Sincrotrone” aiuta la comunità scientifica europea nello studio delle radiazioni su diversi ambiti, infatti, questo luogo ospita più di 15 team di ricercatori impegnati nello sviluppo di nanotecnologie oppure in campo come la chimica o la medicina. Nel tardo pomeriggio i ragazzi entrano in

basovizza_foto_frangella
Foiba di Basovizza foto di Lorenzo Frangella
san_saba_foto_frangella
Risiera di San Saba foto di Lorenzo Frangella

contatto con un triste pezzo di storia friulana, la Risiera di San Saba. Una guida ha illustrato la storia

san_saba_foto_frangella
Risiera di San Saba foto di Lorenzo Frangella
san_saba_foto_frangella
Risiera di San Saba foto di Lorenzo Frangella

ura venne utilizzata come campo di concentramento sotto il comando fascista, diventando così unico punto di raccolta italiano del genere per poi finire ad essere adibito a centro di raccolta profughi istriani durante l’esodo dalle zone dell’Istria degli ultimi italiani perseguitati da Tito, generale comunista che non voleva italiani nel proprio territorio. Finita la visita i ragazzi si recano in albergo per la cena e l’ultimo pernottamento nella struttura che li ha ospitati per questo viaggio tra Friuli e Slovenia.

Servizio a cura di Nikolo Kapaj

san_saba_foto_frangella
Risiera di San Saba foto di Lorenzo Frangella

Foto di Francesca

basovizza_foto_sellaroli
Foiba di Basovizza foto di Marco Sellaroli

Montinaro, Lorenzo Frangella e Marco Sellaroli

 

 

 

 

 

 

 

basovizza_foto_sellaroli
Foiba di Basovizza foto di Marco Sellaroli
basovizza_foto_sellaroli
Foiba di Basovizza foto di Marco Sellaroli
basovizza_foto_sellaroli
Foiba di Basovizza foto di Marco Sellaroli
san_saba_foto_sellaroli
Risiera di San Saba foto di Marco Sellaroli
Print Friendly, PDF & Email