Grottaferrata, approvato Bilancio Covid

Grottaferrata, approvato Bilancio Covid: 600 mila Euro a sostegno della Comunità. I conti dell'ente in sicurezza grazie all'utilizzo dell'avanzo di amministrazione

0
73
caricasulo_andreotti
Simona Caricasulo e Luciano Andreotti
caricasulo
Simona Caricasulo

BILANCIO, IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA LA SUPER VARIAZIONE COVID-19: NELLA MANOVRA OLTRE 600MILA EURO DI AIUTI ALLA COMUNITA’

I conti dell’ente in sicurezza grazie all’utilizzo dell’avanzo d’amministrazione

L’assessora Simona Caricasulo: “I finanziamenti a sostegno della comunità saranno una sorta di cuscinetto verso il 2021”

Il sindaco Andreotti: “Forte presenza diretta del Comune a sostegno della collettività senza chiedere un euro in più alle famiglie”

Il Consiglio comunale di Grottaferrata ha approvato l’annunciata Variazione Covid-19 al Bilancio di Previsione Finanziario 2020/2022 che vede le casse comunali resistere rispetto al forte periodo di crisi in corso.

L’imponente manovra finanziaria del Comune è stata illustrata dall’assessora al Bilancio, Simona Caricasulo che ha sottolineato come si tratti della “mappatura degli effetti che il Covid sta avendo sulla comunità di Grottaferrata”, quindi l’adeguamento del Bilancio di previsione redatto prima del Covid “rispetto alle nuove caratteristiche socioeconomiche che il territorio di Grottaferrata sta manifestando”.

Malgrado la contrazione sulle entrate e grazie alla normativa applicabile solo nel  periodo straordinario in corso, è stato possibile utilizzare l’avanzo di amministrazione approvato nella precedente seduta di Consiglio comunale.

L’avanzo, nello specifico, sarà anche utilizzato per gli annunciati interventi straordinari destinati a finanziare le attività produttive, imprenditoriali, artigianali, commerciali, professionisti e enti no profit, cui il Comune inizierà a dare seguito già dai prossimi giorni.

Si tratta di 425 mila euro relativi spese correnti tra le quali rientra anche il sostegno economico che il Comune darà alle attività produttive (250mila euro a fondo perduto, 50mila euro in conto interessi e altri 15mila euro destinati alle associazioni).

La ripartizione è frutto del questionario pubblicato in estate sul sito istituzionale. A richiedere questo tipo di sostegno sono state soprattutto le ditte individuali con dipendenti da 1 a 3.

A ciò si aggiungano quindi altri 300mila euro che sono stati destinati alle famiglie.

“Obiettivo del Comune – ha detto l’assessora Caricasulo – è poter costituire con i propri fondi un cuscinetto che funga da ammortizzatore di criticità per imprenditori, artigiani, commercianti, professionisti, creando un ponte verso il 2021 per le attività in difficoltà”.

FORTE CONTRAZIONE NELLE ENTRATE TRIBUTARIE 

Forte contrazione, anche per effetto delle rateazioni attivate a favore dei contribuenti, si nota alle voci legate all’incasso di Imu e Tari (-745mila euro). Una diminuzione delle entrate che ha trovato completo ristoro nei fondi statali (827 mila euro) già incamerati dal Comune.

Tra gli effetti delle misure a sostegno adottate dal Comune nei mesi precedenti, vi è da segnalare il minore introito derivante dai  parcheggi a pagamento, rimasti sospesi durante tutto il periodo del lockdown con un calo di 785mila euro nell’incasso, mentre la sospensione della mensa comunale ha portato a una diminuzione in entrata di 230mila euro, bilanciata però, nello specifico settore, dalle conseguenti minori spese. L’abbattimento dei costi di concessione del suolo pubblico per gli esercenti nel corso dei mesi estivi ha portato a un minore introito per 37mila euro circa.

Sul totale generale delle entrate la variazione in aumento è di 3 milioni 782 mila euro e in diminuzione di 1 milione 660 con un incremento positivo di circa 2 milioni e 100mila euro.

MENSA E SCUOLABUS: OLTRE 300MILA EURO IN PIÙ A CARICO DEL COMUNE 

Tra i capitoli di spesa si segnalano forti variazioni legate alla ripresa dei servizi mensa e scuolabus (oltre 300mila euro) , mentre oltre 235mila euro in più per lavori alla scuola Falcone, all’ex mattatoio e al terrazzo sulla sede della biblioteca comunale.

A fronte di tutto ciò va considerata la cospicua somma di denaro risparmiata in seguito alla sospensione temporanea dei mutui accesi dal Comune di Grottaferrata (846 mila euro) che vedono il capitolo delle spese in aumento per 3 milioni 318 mila e in diminuzione di 1 milione 196 mila con uno scarto di circa 2 milioni e 120 mila euro.

IL SINDACO ANDREOTTI:”SCELTE CHE MANIFESTANO L’INTENZIONE DEL COMUNE DI RESTARE AL FIANCO DEI SUOI CITTADINI

Il sindaco Luciano Andreotti nel corso della seduta ha voluto sottolineare la portata sociale e politica di questo intervento finanziario straordinario: “Il Comune fa sentire la propria presenza al fianco delle attività imprenditoriali, degli esercenti, degli artigiani che non si troveranno a trattare da soli con le banche ma avranno a fianco a loro l’ente che con un gesto di coraggio si è voluto mettere in gioco per il futuro delle attività che danno vita alla città. Allo stesso modo abbiamo scelto di non aumentare di nulla le spese che le famiglie dovranno sostenere per la mensa scolastica e per lo scuolabus, servizi rimodulati con costi più alti a carico dell’Amministrazione. Una scelta cosciente e mirata a sostenere imprenditori, commercianti e famiglie in un periodo tanto difficile per l’intera collettività di cui il Comune vuole essere il centro””. Lo rende noto l’Ufficio Stampa del Comune di Grottaferrata.

Print Friendly, PDF & Email