Grottaferrata calcio a 5, Sellati va avanti a triplette

Asd Grottaferrata calcio a 5 serie D, Angelo Sellati va avanti a triplette ed è categorico dopo la vittoria sul Ponte Loreto: “I play off? Obbligatori”

0
113
sellati_grottaferrata_c5
Sellati Grottaferrata Calcio a 5

E’ sceso addirittura dalla serie C1 (vestiva la maglia del Castel Fontana) perché fermamente convinto del progetto del Grottaferrata calcio a 5. Angelo Sellati non sta tradendo le attese: nelle sei gare di serie D disputate con la maglia del club castellano, ha realizzato altrettante triplette. “Sono contento, non è mai scontato scendere di categoria e riuscire a fare bene – dice il laterale classe 1992 – Bisogna approcciare ogni campionato con la giusta mentalità, altrimenti si rischiano delle brutte figure”. Nell’ultimo turno anche il Ponte Loreto ha pagato la “tassa” di Sellati e si è arreso alla squadra castellana di mister Ivano Checchi per 7-5. “Ma abbiamo sempre tenuto la gara sotto controllo. Già nel primo tempo avevamo preso un buon margine, poi nella ripresa abbiamo gestito il risultato e abbiamo conquistato un’altra vittoria molto importante”. In effetti, l’ultimo turno era molto delicato visti gli scontri diretti tra Visual Technology e Castromenio e tra la capolista Blaugrana e la Polisportiva Genzano che hanno visto le vittorie dei padroni di casa: in questo modo, l’Asd Grottaferrata calcio a 5 rimane sì distante dalla vetta (il Blaugrana ha 13 punti di vantaggio), ma ormai si è rimessa totalmente in corsa per i play off visto che ha agganciato il Castromenio al terzo posto e dista appena tre punti dalla Visual Technology seconda. “In tal senso la gara di venerdì prossimo sul campo del Castromenio sarà molto importante – rimarca Sellati – Nel girone di ritorno avremo tutti gli scontri diretti fuori casa, ma comunque siamo fiduciosi di poter approdare ai play off, anzi direi che conquistare il secondo o il terzo posto è d’obbligo”. L’ex laterale del Castel Fontana è stato uno dei colpi di mercato dicembrini del presidente Manuel Masi: “Qui c’è un progetto molto ambizioso e sono contento che la società mi abbia permesso di farne parte. Ho trovato un gruppo di amici che mi ha aperto le braccia e poi un allenatore importante come Ivano Checchi che è sicuramente una garanzia dal punto di vista tecnico e anche umano”.

Print Friendly, PDF & Email