Grottaferrata, i numeri del Bilancio

Grottaferrata, bilancio da 31 milioni e valorizzazione del Patrimonio. Il Comune verso l'esternalizzazione del servizio di riscossione coatta

0
305
andreotti
Luciano Andreotti, Sindaco di Grottaferrata

Prisco: “Il provvedimento favorirà il lavoro ordinario degli uffici. 

In meno di un anno recuperati 2 dei 15 milioni di residui attivi già utilizzati per servizi alla città.

Forte apprezzamento da parte del sindaco Andreotti, della giunta e della maggioranza

“L’amministrazione ha varato una manovra garantendo il mantenimento dei livelli di servizi ai cittadini senza alcun aumento della pressione impositiva. Il volume generale delle entrate, e quindi delle spese, registra un valore pari a circa 31 mln di euro; la spesa corrente vale circa 17 mln di euro mentre la spesa in conto capitale si attesta a 5,8 mln di euro”. Con queste parole l’assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Grottaferrata, Addolorata Prisco, torna sul documento di programmazione economica approvato nei giorni scorsi dal Consiglio comunale. “Così come promesso all’inizio del nostro mandato, abbiamo cominciato un percorso di semplificazione nella presentazione dei documenti di bilancio. Vogliamo adottare strumenti che rendano i tecnicismi contabili meno oscuri per i non addetti ai lavori” specifica l’assessora della Giunta Andreotti. “In questo senso – prosegue – abbiamo mantenuto la promessa, cominciando con una presentazione che ha accompagnato i consiglieri nella lettura delle delibere più complesse. E’ solo un primo piccolo passo ma che di fatto ha aperto una nuova modalità comunicativa all’insegna della trasparenza ed apertura massima”. “Abbiamo aperto il varco a tutta una serie di provvedimenti che porteranno nelle casse dell’ente preziose risorse aggiuntive” va avanti Prisco. “Abbiamo avviato un ambizioso progetto che mira alla valorizzazione ovvero la messa a reddito del patrimonio dell’Ente e nel contempo stanziato le risorse per recuperare le somme ad oggi non riscosse”. “Sul finire del 2017 – spiega ancora l’assessora –  gli uffici hanno operato una bonifica straordinaria delle banche dati dei tributi propedeutica all’esternalizzazione della riscossione coattiva in corso di aggiudicazione. Questa operazione consentirà da un lato il ripristino dell’equità di trattamento nei confronti di tutti i cittadini e dall’altro il recupero di somme che consentiranno di sbloccare risorse preziose da investire nell’erogazione di servizi ai cittadini e per abbassare le aliquote delle imposte, tasse e le tariffe. Solo se paghiamo tutti riusciamo a pagare meno.  Gli uffici d’altra parte sono ridotti numericamente al lumicino e questo non consente all’ente di essere incisivo in tutte le fasi di gestione del ciclo delle entrate. Alleggerire l’ente della riscossione coattiva consentirà anche di ottimizzare la riscossione ordinaria. La gara per la gestione della riscossione coattiva è stata pubblicata alla fine del mese di gennaio e presto potremo avviare le procedure di recupero dei nostri 15 milioni di euro di residui attivi, ovviamente con le garanzie riconosciute dalla legge e dai regolamenti dell’ente e garantendo i diritti delle fasce deboli. Parallelamente – prosegue – l’amministrazione è impegnata a concentrare tutti gli sforzi per far ripartire la manutenzione straordinaria di cui il territorio necessita. Appena verrà approvato il rendiconto dell’esercizio 2017 e verrà determinato in modo definitivo l’importo dell’avanzo libero che si prevede di realizzare, ad oggi solo presunto, l’amministrazione potrà applicare tali somme al bilancio a beneficio della manutenzione della città. Abbiamo già fatto un’operazione di questo tipo all’indomani del nostro insediamento. Abbiamo finanziato un piano straordinario di manutenzione stradale del valore di 500mila euro attraverso l’utilizzo dell’avanzo libero ovvero con risorse dell’ente. Nel contempo prosegue il grande sforzo di reperimento di finanziamenti all’esterno che consentono di effettuare opere senza aggravio per le tasche dei contribuenti grottaferratesi. “Questa amministrazione dal momento del proprio insediamento ad oggi, ha già reperito fondi per un totale di circa 2 milioni di euro, ricordiamo ad esempio il finanziamento ottenuto per la realizzazione dell’isola ecologica, e ha partecipato a molti altri bandi di cui si attende l’esito. Andiamo avanti – conclude l’assessora al Bilancio –  nella consapevolezza che c’è ancora molto da fare ma che abbiamo intrapreso tutti insieme la strada giusta”. Soddisfatto del lavoro svolto e proiettato in avanti il sindaco Luciano Andreotti:”Ringrazio sentitamente l’assessora Prisco per l’importante lavoro di ammodernamento e semplificazione dei complessi meccanismi che da sempre governano la complessa materi di gestione economica degli enti. E’ fondamentale in una fase come quella che ormai dura da anni riuscire a ottimizzare ogni risorsa, puntando molto, come stiamo facendo, anche sul recupero di fondi non riscossi a causa di evasione e elusione fiscali. Crediamo profondamente nella necessità di tornare a valorizzare il territorio e i suoi beni affinché questi diventino essi stessi produttori di utile a vantaggio della collettività e dell’ente stesso e su questa strada stiamo operando, confidando nella possibilità di poter mostrare di giorno in giorno più risultati in termini di efficienza e servizi al cittadino. Un ringraziamento, in questo senso, intendo farlo anche agli uffici comunali del dipartimento economico diretto dalla dottoressa Ivana Rasi che in maniera preziosa e puntuale stanno collaborando alla buona riuscita degli indirizzi politici dell’Amministrazione. Con la concordia, del resto, le piccole cose possono diventare grandi. Così noi – conclude il sindaco – vogliamo tornare a fare grande Grottaferrata. Avanti tutta”.

Print Friendly, PDF & Email