Grottaferrata, ok Consiglio a Isola Ecologica

Grottaferrata Andreotti: “Passaggio storico che consentirà alla nostra città di completare al meglio il passaggio alla raccolta differenziata”.

0
478
Grottaferrata squarciarelli
Vista di Grottaferrata e Squarciarelli

ISOLA ECOLOGICA: IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA ALL’UNANIMITA’,

IN COMMISSIONE AMBIENTE ARRIVA IL NUOVO APPALTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Il sindaco Andreotti: “Passaggio storico che consentirà alla nostra città di completare al meglio il passaggio alla raccolta differenziata”.

Il Consiglio comunale di Grottaferrata ha approvato all’unanimità nella seduta del 2 ottobre 2018 il Progetto Definitivo dei lavori di realizzazione di di un’isola ecologica e di un’area funzionale alla gestione dei rifiuti in località “Villa Senni”, redatto dal 1° Settore Tecnico del Comune.

Si tratta di un progetto del valore  complessivo di 750mila euro dei quali 200mila a carico della Regione Lazio e i restanti 550mila finanziati con mutuo della Cassa Depositi e Prestiti – Contributo provinciale e fondi di bilancio comunale.

Il voto del Consiglio comunale ha approvato contestualmente al progetto definitivo dell’isola ecologica anche una variante urbanistica per trasformare la destinazione di zona da agricola a servizi pubblici che si riferisce all’area di proprietà privata, di superficie pari a complessivi 9mila 253 metri quadri che dovrà essere interessata da espropri.

Nel corso del dibattito si è discusso anche del cronoprogramma che, stando alle valutazioni dell’ufficio tecnico comunale allegate al progetto approvato, da oggi dovrebbe impegnare, per la consegna del lavoro nei tempi stabiliti, i prossimi 620 giorni, circa due anni.

IL PROGETTO E IL SUO ITER – Nasce da lontano, circa un decennio fa, la necessità per Grottaferrata di avere una sua isola ecologica che inizialmente era stata prevista in via di Vascarelle.

L’attuale progetto nell’area di Villa Senni, redatto dall’architetto Michela De Angelis del Comune di Grottaferrata, risale al 2012 e dopo l’approvazione del progetto preliminare, avvenuta nel 2013, è stato sottoposto a una sostanziale revisione in seguito alle osservazioni della Regione Lazio che espresse parere favorevole a condizione che fosse rispettata una fascia di rispetto ed inedificabilità di 50 metri dal limitrofo Fosso del Piscaro.

L’Isola Ecologica e l’annesso Centro Servizi saranno compresi tra la linea ferroviaria esistente “Ciampino-Frascati”, Via vicinale S. Andrea/Villa Senni e l’area destinata alla realizzazione del parcheggio di scambio a servizio della stazione ferroviaria di Villa Senni, praticamente a ridosso dell’area dove è stato già realizzato un Piano per Interventi Produttivi, in via di allestimento e di completamento.

Si tratta, pertanto, di un’area agricola interclusa aventi scarse o nulle possibilità di utilizzazione ai fini agricoli.

Nello specifico il progetto prevede la realizzazione delle seguenti opere:

Isola Ecologica: di superficie pari a circa mq 2.200 dotata di tutte quelle strutture/attrezzature necessarie a garantire il corretto funzionamento dello stessa. Il conferimento dei rifiuti, da parte dei cittadini residenti, avverrà secondo le modalità prescritte nell’apposito regolamento per la gestione e l’uso del centro che verrà di seguito adottato. Sono previste entrate e uscite distinte fra pubblico e operatori, mentre l’attività di conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini e l’attività degli operatori addetti avverranno in momenti diversi senza alcuna interferenza.

Area di Compostaggio: di superficie pari a circa 1100 metri quadri, sarà dotato di tutte quelle strutture/attrezzature necessarie a garantire il corretto funzionamento dello stesso, in conformità alla normativa vigente;

Aree a verde: la mitigazione ambientale, conseguita mediante la messa a dimora di essenze vegetali, avrà come obbiettivo primario quello di rendere gradevole sia il periodo di permanenza nell’Isola Ecologica, per le operazioni di conferimento, sia l’aspetto complessivo dell’area. In particolare è previsto l’impianto di essenze arboree di schermatura (Populus Nigra, Prunus Laurocesare) e di altre più specificatamente ornamentali (Lavandula, Cercis Siliquastrum, Salix Babylonica, Forsythia Intermedia);

Viabilità di accessoL’accesso all’impianto è previsto da Via di vicinale S. Andrea / via di Villa Senni, nelle prossimità della esistente rotatoria di accesso al P.I.P.. In corrispondenza dell’ingresso al centro saranno posti in opera cancelli carrabili che garantiranno la sostanziale indipendenza delle singole attività che verranno svolte nel complesso.

A margine delle aree più propriamente destinate all’Isola Ecologica, è prevista l’ubicazione dell’area – di superficie pari a circa 3mila 100 metri quadrati, destinata al Centro Servizi. Tale area sarà allestita con oneri a carico della società affidataria del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e comprenderà: le aree per la sosta dei mezzi delle maestranze e dei mezzi adibiti a servizio, i manufatti funzionali allo svolgimento del servizio (magazzini, uffici, spogliatoi, ristoro, eccetera). Essa sarà completata dalla relativa viabilità di accesso e dalle aree verdi di mitigazione ambientale.

IL SINDACO ANDREOTTI: PASSAGGIO STORICO FONDAMENTALE PER IL FUTURO DELLA CITTA’ – Soddisfatto il commento del sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti che all’atto dell’approvazione ha sollecitato un applauso dei consiglieri e del pubblico presente in aula.

“Sono molto orgoglioso della delibera approvata nel Consiglio di martedì scorso alla quale hanno dato il loro contributo tutti i consiglieri comunali. Il testo approvato non è un punto di partenza ma un punto di mezzo che racchiude mesi di lavoro ed avvia la fase realizzativa dell’isola ecologica ed è un passaggio che va ad aggiungersi al nuovo sistema di raccolta rifiuti da pochi mesi attuato dalla nostra amministrazione che ha portato la percentuale di differenziata dal 50% al 70% indirizzando il comune verso buone pratiche amministrative a vantaggio dei cittadini. In questi giorni è stata convocata la commissione consiliare Ambiente per discutere e raccogliere i contributi delle forze politiche sul nuovo appalto per la gestione dei rifiuti. La cultura del riuso dei materiali, di una differenziazione saggia e meticolosa dei rifiuti, del rispetto dell’ambiente e di uno sviluppo industriale che coincida e non vada mai contro l’ecosistema e il progresso sociale – ha detto ancora il sindaco –  sono anche le esatte basi culturali sulle quali con l’aiuto fondamentale di insegnanti e famiglie stiamo crescendo le nuove generazioni di grottaferratesi, per le quali giornate come quella vissuta ieri nell’aula del Consiglio comunale avranno addirittura più senso e importanza che per noi oggi alla guida della comunità cittadina. Voglio unirmi in tal senso al coro unanime dei consiglieri di maggioranza e opposizione nel ringraziamento degli uffici, a partire dal dirigente, Architetto Aldo Zichella che hanno garantito con il loro lavoro prestato dall’interno della macchina amministrativa pubblica un ulteriore risparmio di circa 150mila euro rispetto al progetto iniziale di dieci anni fa che prevedeva la progettazione a carico di professionisti esterni. Una ragione in più – conclude il sindaco Andreotti – per essere fieri, orgogliosi e speranzosi in un progetto che da qui a due anni farà crescere ulteriormente la nostra Grottaferrata”.

Print Friendly, PDF & Email