I cittadini e gli alunni di Cocciano adottano gli alberi

L'iniziativa Adottiamo un albero nel Parco Archeologico di Cocciano giovedì 21 martzo 2019 nel popoloso quartiere periferico frascatano

0
111
adottiamo_albero
Adottiamo un albero

Con l’iniziativa di ieri, giovedì 21 marzo, avvenuta nel Parco Archeologico di Cocciano e chiamata Adottiamo un albero, sono proseguite le iniziative dell’Amministrazione comunale per sensibilizzare i cittadini e le giovani generazioni sulla salvaguardia dell’ambiente, dopo la manifestazione di venerdì scorso #strikeforclimatechange, che ha visto la partecipazione di oltre 2 mila studenti a Frascati.

L’evento ha coinvolto i bambini della Scuola elementare “A.M. Lupacchino” che hanno piantato una quercia, un ulivo e un albero di agrifoglio nel Parco Archeologico di Cocciano, restituito da poco ai cittadini del quartiere grazie all’intervento dell’Amministrazione comunale. Inoltre il Parco sarà presto interessato da una serie di opere come la messa in sicurezza delle sostruzioni archeologiche, gli ampliamenti dell’area accessibile al pubblico e la sistemazione degli edifici ivi presenti, grazie al contributo del Ministero dell’Interno.

«Si è trattato di un momento educativo importante, non solo per gli studenti, ma anche per tutti i presenti, genitori, parenti, familiari e passanti – dichiara il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Tutti noi siamo parte integrante di questa comunità e a noi sta il compito di tutelarla, valorizzarla e renderla il più accogliente possibile e di promuovere allo stesso tempo azioni di sensibilizzazione nei confronti delle giovani generazioni che devono crescere nel rispetto della natura. Per l’organizzazione di questa bella giornata dedicata al verde pubblico, ringrazio gli Assessori Gelindo Forlini e Emanuela Bruni, i Consiglieri Delegati Matteo Angelantoni e Paola Gizzi, il Dirigente dell’Istituto Comprensivo Frascati 1 Giovanni Torroni e le insegnanti della Scuola Lupacchino, l’Ufficio Ambiente del Comune di Frascati e la squadra del verde della STS».

 

Print Friendly, PDF & Email