Il centro anziani di Marino in prima linea per acquistare il defibrillatore

0
1353
centroanzianimarino
Centro anziani di Marino
Centro anziani Marino
Centro anziani di Marino

Raccogliere i fondi per l’acquisto di un defibrillatore ad uso del Centro Anziani di Marino. Per intervenire, in caso di necessità, a riattivare il cuore attraverso l’emissione di scosse elettriche e salvare in extremis dalla morte cardiaca improvvisa, evento che ogni anno colpisce più di 60mila persone di tutte le fasce d’età.

E’ la finalità con la quale, giovedì 11 luglio scorso, il Centro Anziani di Marino presieduto da Alberico Mazzone, ha promosso un momento «conviviale benefico» al Chiostro di piazza Garibaldi.

Promossa dal circolo per la terza età nel contesto delle attività indirizzate al sociale «l’iniziativa – ha detto il presidente Mazzone – vuole far emergere e confermare il ruolo del nostro centro, che non deve essere considerato solo quale organismo puramente aggregativo ma sempre più come realtà dinamica e propositiva (oggi è su facebook e sul web all’indirizzo www.centrosocialeanzianimarino.com, ndr) attenta al singolo e alle sue esigenze, non ultime quelle relative alla salute».

 

All’incontro ha preso parte l’associazione «Nuovi Castelli Romani» guidata da Ettore Pompili, da 10 anni operativa nel comune della Sagra dell’Uva e nei centri anziani del territorio (Marino Centro, Cava dei Selci, Frattocchie e Santa Maria delle Mole) con campagne di prevenzione sanitaria e screening a disposizione degli associati. «Tramite convenzioni gratuite sottoscritte dall’Associazione con medici specialisti – spiega Pompili – da tempo è attiva una rete di professionalità mediche che, nel contesto di un progetto di prevenzione sanitaria intercomunale del quale Marino è capofila, si prendono cura volontariamente dei nostri associati. In giorni dedicati, questi possono usufruire delle loro competenze presso studi di medici di base o nella Asl di Frattocchie. In un discorso di continuità che va dalla semplice diagnosi fino alla cura nella sua interezza».

 

Coordinatore scientifico del progetto messo in atto da NCR, il prof. Claudio Letizia, direttore dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche IIa Clinica Università «La Sapienza» di Roma che, in occasione dell’incontro promosso dal Centro Anziani di Marino, ha illustrato ai presenti le nozioni base relative all’arresto cardiaco e alle operazioni da seguire a titolo di primo ausilio, con e senza defibrillatore, in attesa dell’intervento medico.

Patrocinato dall’assessorato ai Servizi Sociali di Palazzo Colonna, l’evento al Chiostro ha visto la presenza dell’assessore, avvocato Remo Pisani. «Il valore di una vita umana non ha valore – ha detto Pisani ringraziando il presidente Mazzone per l’iniziativa di interesse sociale, così come la NCR e i medici volontari per la presenza collaborativa sul territorio con le attività di prevenzione e cura in favore dei cittadini –. Il mobilitare le forze vive, solidali, generose di una comunità in funzione della salute, fa sentire la presenza attiva, unita, cooperante e sensibile della collettività stessa».

Print Friendly, PDF & Email