Il direttivo del Pd Zagarolo incontra il senatore Bruno Astorre

0
677
astorreadirettivopdzagarolo
Riunione del senatore Astorre con il direttivo del Pd di Zagarolo
astorreadirettivopdzagarolo
Riunione del senatore Astorre con il direttivo del Pd di Zagarolo

Si è svolto nella serata di Martedì 10 Novembre un direttivo allargato a tutta la cittadinanza di Zagarolo a cui ha partecipato il senatore Bruno Astorre. Oggetto della convocazione è stato la spiegazione e l’approfondimento del lavoro del Governo e del Pd nazionale sulla riforma della Costituzione, la Legge di Stabilità e quella sulle unioni civili. “Bisogna far conoscere i cambiamenti che stiamo introducendo in Italia – ha aperto il segretario del Pd di Zagarolo, Oliviero Olivetti. – Dibattiti come questi servono per far conoscere cosa si sta facendo grazie al Partito Democratico. Dobbiamo essere consapevoli dello spirito d’iniziativa che sta caratterizzando l’attività politica: siamo tornati in campo con autorevolezza e per questo desideriamo ringraziare anche Bruno Astorre che ha sempre avuto un rapporto molto forte con l’intero territorio”. “La comunicazione è fondamentale per far conoscere cosa si sta facendo. È importante approfondire e incontrarsi nei circoli per chiarire e spiegare meglio – ha spiegato il senatore Pd, Bruno Astorre. – Questa sera vorrei soffermarmi su tre provvedimenti: la
riforma della costituzione, la legge di stabilità e quella sulle unioni civili. Sulla prima voglio sottolineare quanto sia sostanziale la diminuzione del numero dei senatori, da 300 a 100, questi ultimi eletti dal popolo, come proposto da Bersani. Finalmente verrà introdotto in Italia un monocameralismo che garantirà una velocità di legiferazione e una stabilità di governo. La legge di stabilità, invece, ha esentato dall’IMU tutti i terreni agricoli: un alleggerimento fiscale che tutti i sindaci ci avevano chiesto da anni. Riguardo le unioni civili, infine, credo fortemente che il nostro Paese si doveva adeguare da tempo ad una legge che soltanto in Italia era rimasta tabù: una vera e proprio conquista di civiltà”.

Print Friendly, PDF & Email