Il Rugby Frascati torna allo stadio di Cocciano per la nuova stagione

0
2451
Giorgio Rubini
Giorgio Rubini vice presidente Rugby Città di Frascati
Giorgio Rubini
Giorgio Rubini vice presidente Rugby Città di Frascati

Il Rugby Città di Frascati rientra nel “tempio”. Dopo un inizio di preparazione svolto interamente presso il campo di Spinoretico, le varie selezioni del club del presidente Antonio Colleluori tornano presso lo “Stadio del Rugby” di Cocciano, il cui manto di gioco è stato rifatto. Proprio oggi iniziano ufficialmente la stagione le selezioni dei più piccolini, dalla Under 6 alla Under 12: il cuore pulsante dell’attività rugbystica tuscolana. Domani (venerdì), invece, ultimo giorno di preparazione atletica per le categorie Under 14, Under 16 e Under 18, mentre la prima squadra di coach Luciano Bronzini (serie B) proseguirà ancora il lavoro quotidiano. Il vice-presidente Giorgio Rubini, però, vuole fare un passo indietro e rendere pubblica qualche riflessione sulla stagione 2012-13 che si è conclusa da poco. «Quanto alla gestione societaria – dice Rubini – è stato compiuto un notevole sforzo per organizzare le risorse umane a disposizione in modo da valorizzarle al massimo: si è fatto tesoro di alcuni errori di previsione da non ripetere per il futuro. Per quanto attiene alla formazione ed all’attività sportiva in genere, il lusinghiero risultato ottenuto dalla “vecchia” Under 20 (che ha sfiorato un posto nella finale scudetto di categoria, ndr) fa ben sperare per il prossimo campionato di serie B visto il passaggio, quest’anno, di un buon numero di questi ragazzi nella prima squadra». Ma la notizia più importante dell’estate del Rugby Città di Frascati è stata certamente rappresentata dalla decisione della Federazione Italiana Rugby (Fir) di collocare a Frascati uno dei centri di formazione federale dell’Under 16. «Un riconoscimento – sottolinea Rubini – che va principalmente all’attività svolta negli anni passati dalla società di Minirugby e che costituisce un importante incentivo per tutto il settore tecnico della nostra società a continuare nel percorso di qualificazione già iniziato».

Print Friendly, PDF & Email