Il Volley Club Frascati reduce dal collegiale di Cascia

0
804
Volley Club Frascati
Volley Club Frascati serie D
Volley Club Frascati
Volley Club Frascati serie D

Continua a crescere la neonata serie D femminile del Volley Club Frascati, affidata in questa stagione a coach Dario De Notarpietro che ha preso il posto occupato nella scorsa stagione da Claudio Scafati (quest’anno impegnato “solo” con la B2 e l’Under 18). La scorsa settimana le ragazze frascatane, assieme al gruppo della serie D maschile di coach Massimiliano Di Vozzo, ha trascorso quattro giorni a Cascia per un collegiale che è servito a curare aspetti tecnici e tattici, ma soprattutto la coesione di un gruppo che dovrà crescere alle spalle della squadra di “punta” della B2. «Il gruppo della serie D femminile – spiega De Notarpietro – è di fatto lo stesso dello scorso anno, non c’è stato nessun nuovo inserimento. L’esperienza di Cascia è servita per intensificare il lavoro sia fisico che tecnico e tattico, ma anche per accrescere quell’intesa necessaria per formare una vera squadra. Nel complesso siamo contenti dell’approccio di tutte le ragazze in questo inizio di stagione, ma è chiaro che siamo all’inizio e le vere conferme le avremo più avanti». L’avvio della stagione ufficiale è ancora lontano. «Il girone è uscito, ma non conosciamo ancora il calendario. Sulla carta ci sono molte squadre quotate per un’ipotetica alta classifica. Vedremo il campo quali risposte darà». Al suo fianco ci sarà Valerio Del Carpio, ex capitano della Prima Divisione maschile che ricoprirà il ruolo di preparatore atletico sia per le ragazze che per i ragazzi della D. Il traguardo da raggiungere sia per il gruppo della D femminile che per quello dell’Under 20 (che sarà sempre seguita da De Notarpietro) è già chiarissimo. «Dobbiamo puntare sulla crescita del vivaio – rimarca il tecnico frascatano -. Per entrambe le categorie l’obiettivo principale deve essere quello di tirare fuori atlete utili in futuro alla prima squadra. Per quanto riguarda la serie D, dal punto di vista del risultato sportivo, il traguardo minimo è quello di mantenere la categoria».

Print Friendly, PDF & Email