Il Volley Club Frascati saluta Scafati, arriva Collavini

0
913
collavini
Paolo Collavini tecnico Volley Club Frascati femminile
collavini
Paolo Collavini tecnico Volley Club Frascati femminile

SPORT – La società Volley Club Frascati, di comune accordo con Claudio Scafati, comunica l’interruzione del rapporto di collaborazione. A Scafati vanno i ringraziamenti della società per il lavoro svolto con impegno, passione, professionalità, competenza e, in modo particolare, per gli straordinari ed indimenticabili traguardi raggiunti nelle passate stagioni. Al contempo il Volley Club Frascati augura buon lavoro al nuovo tecnico, Paolo Collavini (già direttore tecnico), il quale da pochi giorni è alla guida della prima squadra.

Dunque la società del presidente Massimo Marchionne e l’allenatore della B2 Claudio Scafati hanno deciso di provare a dare una svolta alla stagione della serie B2 femminile. «Perdere Claudio a livello umano non è semplice per nessuno – sottolinea il team manager Ivano Di Giacobbe -, è una persona che, oltre alle indiscusse competenze tecniche, dal punto di vista umano possiede grandi valori che permettono a chi interagisce con lui di affezionarsi molto. Per tutti noi è stata una scelta molto difficile. Come reagiranno le ragazze? Il cambio è stato fatto per dare una scossa, un cambio di rotta. Parlerà presto il campo e siamo tutti fiduciosi». Lo stesso Di Giacobbe spiega come si è arrivati al nome di Paolo Collavini come successore di Scafati. «Abbiamo pensato a Collavini perché, oltre ad essere il nostro direttore tecnico, è un allenatore di altissimo livello, l’ideale per sostituire una figura di spessore come quella di Claudio Scafati. Paolo ha allenato per anni fuori regione in serie A e B vincendo moltissimi titoli, l’ideale per rilanciare una piazza come Frascati che merita di tornare ai grandi livelli di alcuni anni fa. Sono in corso molti mutamenti, la società – conclude Di Giacobbe – sta cambiando tutto al proprio interno ed insieme a Paolo presto arriveranno altri nomi importanti per il settore giovanile».

Print Friendly, PDF & Email