Inaugurato oggi nuovo terminal Cotral Tiburtino, soddisfazione di Surace

0
2264
Vincenzo Surace
Vincenzo Surace Cotral Spa
Vincenzo Surace
Vincenzo Surace Cotral Spa

Oggi, 15 luglio 2013, è stato inaugurato il nuovo capolinea Cotral di Tiburtina per le corse di trasporto pubblico extraurbano che collegano Roma a Rieti, Monterotondo e Palombara Sabina. Il nuovo capolinea si trova all’interno dell’area Tibus, a pochi metri dal precedente, ed è dotato di maggiori servizi per l’utenza tra cui: aggiornamento in tempo reale su orari e corse, sistema di videosorveglianza, punto ristoro, servizi igienici e sala d’attesa. “Abbiamo individuato la nuova collocazione logistica del capolinea tenendo conto in primis delle esigenze dell’utenza” ha dichiarato Vincenzo Surace, Amministratore Unico di Cotral Patrimonio Spa, “Quest’opera, resa possibile grazie alla collaborazione tra la nostra società e altre aziende quali Cotral  Spa e Tibus Srl, permetterà di offrire un servizio migliore, implementando anche i collegamenti di trasporto pubblico extraurbano con il Comune di Roma”.

Il trasferimento del terminal è stato definito a margine della conferenza dei servizi che si è tenuta nel novembre 2011 con l’inserimento delle linee extraurbane di Cotral Spa negli stalli gestiti dalla Tibus Srl.

I mezzi Cotral Spa prenderanno servizio dai marciapiedi di salita individuati dallo stallo numero 7 al numero 11. La clientela potrà controllare gli orari di partenza su un pannello riepilogativo elettronico che aggiornerà in tempo reale le informazioni e le eventuali variazioni, che sono accessibili anche via web sul sito www.cotralspa.it ed in mobilità attraverso apparati di tipo smartphone.

“A nome di tutto il Consiglio di Amministrazione del Terminal di Roma Tiburtina, esprimo tutto il mio apprezzamento per l’accesso nell’autostazione di un’Azienda importante, quale è Cotral Spa – ha dichiarato Antonio Pompili, consigliere di amministrazione di Tibus Srl –. Questo si tradurrà nel miglioramento dei servizi resi all’utenza, ma anche nel potenziamento di un nodo di scambio tra le percorrenze nazionali e internazionali e quelle regionali”.

Print Friendly, PDF & Email