Inaugurazione mostra d’arte a Zagarolo

0
530
mostrazagarolo
Mostra d'arte a Zagarolo
mostrazagarolo
Mostra d’arte a Zagarolo

Venerdì 18 Novembre, ore 18.00, si inaugurerà a Palazzo Rospigliosi di Zagarolo la mostra d’arte “Raffaello, Correggio, Caravaggio: un’esperienza tattile. Sulle orme di Scannelli”. Finanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), la mostra è stata ideata da Carmelo Occhipinti, professore associato di Storia della critica d’arte all’Università di Roma “Tor Vergata” (Dipartimento di Studi letterari, Filosofici e di Storia dell’Arte), in collaborazione con Federica Bertini, storica dell’arte, dottoranda presso l’Università della Tuscia, e da Alessandro Marianantoni, responsabile dell’azienda californiana Mediars (www.mediars.la). “La mostra rimarrà aperta fino al 18 Dicembre – precisa il Sindaco di Zagarolo, Lorenzo Piazzai. – Il confronto tra questi maestri d’arte italiani richiama l’attenzione su uno dei testi storiografici più importanti nella storia dell’arte: “Microcosmo della pittura” di Francesco Scannelli. Proprio per questo si tratta di un evento davvero importante che Zagarolo e tutto il territorio prenestino e castellano sono pronti ad ospitare”. I quattro “quadri tattili” esposti in mostra, prodotti a cura di Handsight (www.handsight.net), sono stati realizzati grazie all’utilizzo di una nuova tecnologia, appositamente inventata da Marianantoni in collaborazione con Martin M. Monti, professore di neuroscienze all’Università della California: tale tecnologia permette ai non vedenti di “toccare” ciò che i nostri occhi “vedono” dentro un quadro. Le opere pittoriche riprodotte per l’occasione sotto la forma del bassorilievo prospettivo sono: l’Isaia di Raffaello, la Maddalena tratta dal Compianto sul Cristo Morto di Correggio, la Maddalena ‘Doria Paphili’ di Caravaggio e la Madonna dei Pellegrini dello stesso Caravaggio. “Anche se per un periodo limitato riusciamo a rendere fruibile l’arte ed opere d’arte d’eccezione ai non vedenti – aggiunge l’Assessore alla Cultura, Emanuela Panzironi. – Grazie alla tecnologia moderna e alle brillanti intuizioni di professori, artisti, designer, si è reso possibile quello che in passato credevamo fosse un’utopia. Rendere protagonista Zagarolo e Palazzo Rospigliosi in eventi così ampi, che spazino dalla cultura alle politiche sociali, è senza dubbio un motivo d’orgoglio e un impegno che questa Amministrazione continuerà a perseguire”.

Print Friendly, PDF & Email