Insieme per Mastrosanti, “Una amministrazione ed una città nel totale sbando”

0
1102
mastrosanti_gizzi_d_uffizi
Franco D'Uffizi, Paola Gizzi e Roberto Mastrosanti (foto estrapolata dal profilo facebook della stessa Paola Gizzi)
gruppo_consiliare_insieme_per_mastrosanti_roberto_mastrosanti_paola_gizzi_franco_d_uffizi
I componenti del Gruppo consiliare Insieme per Mastrosanti presso il Comune di Frascati da sx a dx Franco D’Uffizi, Paola Gizzi e Roberto Mastrosanti (foto estrapolata dal profilo facebook della stessa Paola Gizzi)

“Quella cui abbiamo assistito ieri (giovedì 7 luglio 2016 ndr) è stata una delle pagine più brutte e penose della storia politica ed amministrativa di Frascati – inizia così la nota firmata dal Gruppo Consiliare “Insieme per Mastrosanti” che riceviamo e pubblichiamo.

Un Sindaco ed una maggioranza che hanno dato il peggio di sé, neanche si parlano più e, oggi, sembrano più interessati a scaricarsi reciprocamente addosso l’evidente fallimento del loro raffazzonato ed ibrido progetto politico, piuttosto che ad operare nell’interesse di Frascati e dei suoi cittadini.

Un Sindaco non più lucido – prosegue così la nota – che non riesce a gestire neanche l’ordinaria amministrazione e che per restare in sella si appiglia a tutto mettendo a rischio anche la sua dignità.

Di fronte quello che resta di un Partito Democratico che, con gli altri cespugli di maggioranza, dimostra nei fatti di avere definitivamente smarrito il contatto con la realtà e con la città e sta inesorabilmente affogando nella viscosità di uno strampalato progetto politico fondato apparentemente su un finto rinnovamento, ma in realtà svilito e ripiegato sui soli interessi di qualche bottega politica.

L’unica cosa che li unisce in questo momento è solo la passione per la loro poltrona.

“I cittadini presenti in aula ieri hanno assistito a quanto di più brutto possa produrre la politica e penso che molti si saranno allontanati con lo stesso amaro disgusto che ho provato io lasciando l’aula, rinunciando a partecipare oltre ai lavori” – dichiara Roberto Mastrosanti. “Ieri c’è stata, laddove ce ne fosse stato bisogno, la certificazione della fine della esperienza Spalletta, un uomo lasciato solo in ogni senso da quella che fino a ieri era la maggioranza che lo sosteneva, un uomo che appare non avere neanche l’esatta percezione di quello che sta accadendo.”

“Quello andato in scena ieri in Consiglio Comunale é quanto di peggio ci si potrebbe aspettare in un finale thriller di Hitchcock – afferma il Consigliere Franco D’Uffizi. “Un Sindaco abbandonato a se stesso, solo e confuso, che sembra un pugile suonato e vacillante, che vanamente cerca di rimanere in piedi con tutte le forze a dispetto di ogni logica politica e personale. Dieci minuti di litania, noiosa e senza contenuti – continua D’Uffizi – in alcun modo motivando la revoca delle nomine ai suoi ex fidi assessori, ma lasciandosi al contempo andare in incomprensibili complimenti, sia nei loro confronti che verso la sua ex maggioranza. Contraddizione e paradosso allo stato puro”.

“Una maggioranza che, distante anni luce dalla realtà, privilegia interessi estranei alla città ed ai suoi abitanti, può continuare ad amministrare una Frascati che invece di problemi ne ha molti? – il pensiero della Consigliere Paola Gizzi. Un contratto per la raccolta rifiuti scaduto da anni e da anni in proroga; servizi come i centri estivi integrati ridimensionati; prolungamento orario della Polizia Locale, necessario a garantire sicurezza e rispetto delle regole, ancora in alto mare. La città è ormai abbandonata a se stessa e disorganizzata, in piena autogestione, con piazze pedonali diventate parcheggi.”

Le responsabilità per questo scempio sono tutte del Sindaco e del PD, che lo hanno generato ed incomprensibilmente lo stanno protraendo al solo scopo di mantenere le loro poltrone a dispetto di tutto e tutti.

Le conseguenze – si conclude con queste parole la nota stampa – gravano e graveranno sui cittadini, ma il destino politico di questi personaggi e di chi ce li ha messi è ormai definitivamente segnato”.

Print Friendly, PDF & Email