Juniores Rocca Priora calcio, parla mister Angeloni

0
661
angeloni
Daniele Angeloni
angeloni
Daniele Angeloni

Il giorno di Ognissanti non ha portato il primo punto in campionato per la Juniores provinciale del Rocca Priora. La squadra di mister Daniele Angeloni rimane a bocca asciutta dopo tre partite, ma l’allenatore non è molto preoccupato. «Sapevamo di poter avere delle difficoltà in questo avvio di stagione perché questo è un gruppo totalmente rifondato visto che l’anno scorso non esisteva questa categoria qui e pochi di questi ragazzi giocavano assieme. In ogni caso il gruppo ha giocato delle discrete partite: manca un po’ di attenzione in fase difensiva e un pizzico di determinazione in più sotto porta, ma la strada intrapresa è quella giusta». L’ultimo match, quello di martedì, ha ricalcato a grandi linee gli altri due. «Abbiamo perso 2-0 sul campo della Real Torres, a Torre Maura. In entrambe le frazioni abbiamo costruito occasioni per andare in rete, ma non ci siamo riusciti. L’avversario, senza fare granchè, si è trovato in vantaggio per 1-0 all’intervallo e a metà della ripresa ha realizzato il gol del definitivo raddoppio. Ma ho poco da rimproverare ai ragazzi dal punto di vista del gioco, anzi la squadra ha provato a reagire anche dopo la rete del 2-0». Angeloni è sicuro che la Juniores provinciale crescerà notevolmente nel corso della stagione. «Nel girone d’andata, probabilmente, ci sarà da soffrire, ma sono convinto che alla lunga il valore di questa squadra uscirà fuori e potremo raggiungere un piazzamento dignitoso. La società, tra l’altro, non ci ha messo alcuna pressione di risultato e quindi possiamo lavorare in maniera tranquilla». Il calendario non è nemmeno troppo amico dei ragazzi di Angeloni: sabato al Montefiore (calcio di inizio alle ore 15) ci sarà la sfida con il Frascati. «Probabilmente sono la squadra da battere visto che l’anno scorso, per alcune questioni disciplinari, hanno visto sfumare il passaggio nella categoria Elite. In ogni caso il Rocca Priora scenderà in campo convinto di poter fare la sua partita, proveremo a mettere in difficoltà l’avversario».

Print Friendly, PDF & Email