Karate, a Velletri il campionato regionale Csen 2017

0
1233
Campionato Regionale Csen di Karate a Velletri il 12 febbraio
csenkaratevelletri
Campionato Regionale Csen di Karate a Velletri il 12 febbraio

Velletri si prepara ad accogliere il Campionato Regionale Karate CSEN 2107 che si svolgerà il 12 febbraio, presso la palestra Polivalente di Velletri (Rm). Le due specialità in cui gareggeranno i 600 atleti provenienti da tutto il Lazio sono Kata e Kumitè divisi nelle categorie esordienti, cadetti, juniores, seniores e master. Le gare serviranno a selezionare gli atleti che faranno parte della rappresentativa CSEN che parteciperà ad un Open Internazionale a livello europeo.

“Rispetto all’edizione passate – afferma Luca Nicosanti, referente CSEN del settore – quest’anno abbiamo diviso il campionato regionale in due fasi: una giornata dedicata alla  fascia preagonistica (cha va dai 5 ai 11 anni) ed un’altra  dedicata  agli atleti   agonisti (12 anni – 35 anni) per via della grande affluenza. L’edizione del 12 febbraio è rivolta solo alla fascia agonistica, mentre il campionato regionale fascia preagonisti e del para-karate sarà svolta il 12 marzo al Palatorrino zona Eur.

Qual è il trend del karate nel Lazio? Sono numeri in crescita o in diminuizione?

“Il karate nel Lazio è in netta crescita sia come numero di società che si stanno affiliando sia come numero di atleti praticanti. Sta crescendo anche il livello tecnico degli atleti per via del buon lavoro che le società stanno svolgendo”;

Quali sono gli obiettivi dello CSEN Karate Lazio per il 2017?

“Per la stagione 2017 abbiamo in programma  corsi di formazione per nuovi arbitri e presidenti di giuria, per tecnici qualificati e corsi di specializzazione per tecnico per atleti con disabilità”.

Per quanto riguarda le manifestazioni, lo CSEN Lazio Karate parteciperà con una rappresentativa all’Handikarate a Strasburgo, considerata una delle più grandi competizioni per atleti con disabilità. Inoltre stiamo selezionando e formando una rappresentativa di atleti agonisti che rappresenteranno la regione Lazio in un Open Internazionale tra quelli presentati In Europa. A livello nazionale saremo sicuramente presenti al grande evento che il nuovo Presidente Henrika Zecchetti sta organizzando in memoria del Presidente Mario Pappagallo.

stageidanabolnik
Stage Idan Abolnik

KRAV MAGA, IDAN ABOLNIK A ROMA PER UNO STAGE INTERNAZIONALE

Dal Sudafrica a Roma: il Gran Master Idan Abolnik torna nella Capitale sabato 11 e domenica 12 febbraio, per un evento internazionale di Kalah Combat organizzato dall’Accademia Antiaggressione di Krav Maga, con il patrocinio dello CSEN Roma. Dopo il successo dello scorso anno, Idan Abolnik, fondatore del sistema Kalah Combat (ex agente del Golani e addestratore del Gis, Col moschin operativo a Gaza e su altri fronti bellici), propone uno stage di difesa personale, due giorni di combattimento da strada, sessioni dedicate a tutti gli appassionati del sistema e a quelli che vorrebbero saperne di più. E non solo, i fan avranno l’opportunità di conoscere personalmente il gran Maestro. Il Krav Maga è un sistema di combattimento ravvicinato e autodifesa di origine israeliana. La parola krav maga, in ebraico significa letteralmente “combattimento a corta distanza”.

«Il Krav Maga permette di potersi difendere dalla realtà della strada, non essendo una disciplina sportiva ma qualcosa che affronta la realtà – spiega Carlo Miozzi, dell’Accademia Antiaggressione di Krav Maga – nelle discipline sportive, si combatte secondo delle regole, ci sono dei giudici e un arbitro. K. M. invece analizza l’incognita della strada, quando non sai con chi hai a che fare, hai davanti persone aggressive o armate e in quel momento devi cercare di gestire la situazione per cercare di ridurre il danno. Non si vince. La vittoria sta nel riuscire, un po’ ammaccati, a tornare a casa».

Perché è importante il Krav Maga?

«Noi facciamo un Krav Maga che insegni ad autodifendersi agendo in sicurezza. Un Krav Maga per i ragazzi vittime del bullismo ma anche per le donne, per contrastare fenomeni come il femminicidio. Insegniamo a difendersi e optare per il comportamento migliore da tenere in caso di aggressione. Quindi il Krav Maga ha diverse sfaccettature, bisogna saper individuare il giusto settore»;

In cosa si differenzia il “kalah combat” rispetto al tradizionale IKMF?

«Il kalah Combat nello specifico è stato analizzato da Idan Abolnik che ha cambiato delle regole, le impostazioni di approccio rispetto agli attacchi, per certi versi forse è più aggressivo perché affronta la strada. E la strada non permette repliche, pause, non ammette “aspetta, ora ci riproviamo”. In quei momenti hai bisogno, in brevissimo tempo, di fuggire e comunque liberarsi da queste situazioni, il che molte volte, richiede una preparazione psicologica oltre che fisica»;

Quali sono le prospettive per il Krav Maga in Italia?

«In questo momento stiamo vivendo un po’ il contrasto che ha il Coni verso il Krav Maga che sta cercando di non riconoscerlo. Entro Marzo, addirittura, potrebbe uscire dai sistemi riconosciuti dal Coni. E per chi sta da vent’anni su questa disciplina, combattendo e cercando di portare avanti un concetto di difesa molto attiva e molto fattibile, venir buttati fuori così! Dopo tutti questi anni dove ci hanno dato l’illusione di far parte di questa grande famiglia… Gli istruttori che hanno lavorato per una vita, si trovano di colpo in mezzo alla strada. Le motivazioni? Varie situazioni, la Difesa Personale è stata riconosciuta come disciplina, mentre il Krav Maga, che sotto certi aspetti passa come difesa personale, non la vogliono riconoscere. Non vorrei che fosse anche una questione politica».

SOLD OUT A ROMA PER STAR DANCE 2017

Domani (domenica 12 febbraio ndr) al Teatro Italia il campionato provinciale di CSEN Danza Roma. Da quest’anno anche le discipline streetdance. Prevista l’assegnazione di borse di studio per Dance Experience 2017 Tutto esaurito per le iscrizioni all’edizione 2017 di Star Dance, il campionato provinciale di CSEN Danza Roma, che si terrà domani, domenica 12 febbraio, a partire dalle ore 9,30 al Teatro Italia di Roma, secondo evento dell’anno dopo il successo del Meeting Coreografico. Oltre alle discipline accademiche (Classico, Moderno, Contemporaneo, Fantasy Dance e Show Dance & Musical) per la prima volta lo Star Dance prevedrà anche le discipline streetdance: Hip Hop, Videodance e Contaminazioni. Sul palco si esibiranno ballerini di tutte le età, suddivisi in diverse categorie: Baby-Danza, Allievi, Juniores, Seniores e Over per le discipline accademiche; Under 10, under 16 e over 16 per le discipline streetdance. Barbara LadyBu Rizzotti, Carlo Cosenza e Gianluca Ziggy Pop Ferro sono i membri della giuria chiamata a valutare le categorie Hip Hop, Video Dance e Contaminazioni. Durante e premiazioni, inoltre, saranno assegnate borse di studio per la partecipazione all’evento estivo Dance Experience 2017. CSEN Danza Roma nasce nel 2009 come settore danza del comitato provinciale CSEN di Roma, fondata da Miriam Baldassarri, attuale direttrice. Nel 2011 CSEN Danza Roma dà vita alla Scuola Formazione Nazionale per Insegnanti Tecnici di Danza con l’obiettivo di innalzare il livello di competenza degli insegnanti di danza. CSEN Danza Roma rappresenta oggi una primaria realtà italiana nell’organizzazione degli eventi legati alla danza e nella formazione di insegnanti di alto livello.

Print Friendly, PDF & Email