La Giornata della Memoria ai Castelli Romani

0
832
Giornata Memoria Marino
Giornata Memoria Marino
Giornata Memoria Marino

Carrellata di iniziative in occasione della Giornata della Memoria del 27 gennaio 2016 ai Castelli Romani.

Iniziamo con Rocca Priora, Comune in cui la ricorrenza sarà celebrata con i ragazzi del Cambellotti:
 
“In occasione della Giornata della Memoria, mercoledìi 27 gennaio si terrà a Rocca Priora, presso l’Auditorium della Banca di Credito Cooperativo del Tuscolo, sito in via della Rocca 24, una mattinata di rappresentazioni e letture portata avanti dagli alunni dell’Istituto Comprensivo Duilio Cambellotti.
La giornata inizia alle 10,00 con i saluti del Vicesindaco, Federica Lavalle e l’inizio delle performance delle classi: la I C metterà in scena il fumetto “Maus”, la III C una drammatizzazione del “Diario di Anna Frank”, la II B una performance coreografica dal titolo “identità calpesta”, la III A il racconto “Annita”, la I D una performance teatrale intitolata “Auschwitz”, la I A la filastrocca “Ninna Nanna ebraica”, la II A una drammatizzazione dal titolo “Ricordare ieri per non ripetere oggi”.
 
Alle ore 11,00 interverrà il sindaco di Rocca Priora, Damiano Pucci e a seguire, ci sarà una lettura condivisa.
Dalle 11,15 altre performance con la II E e la II F metteranno in scena un’esibizione musicale dal titolo “La musica, porta della pace”, la I E una recitazione di poesi intitolata “Storie non dette”, la III C e la III E il filmato “Un ricordo per la Memoria”, la I B una performance corale intitolata “I colori della vergogna”, la III B una drammatizzazione dal titolo “Io non sono un numero” e la II C una rappresentazione del titolo “Arrivederci Ragazzi”.
La chiusura è prevista alle 12,45 con una performance corale sulle note di “Imagine” di John Lennon.
“La Giornata della Memoria è un evento molto importante – ha detto il sindaco, Damiano Pucci – e sono particolarmente contento che i nostri ragazzi, mettendo in piedi tante performance come quelle di domani, dimostrino di conoscere così bene un dramma come l’Olocausto . E’ una presa di coscienza fondamentale da parte delle giovani generazioni affinché non si ripetano gli orrori del secolo scorso””.
Continuiamo con le celebrazioni a Monte Compatri:
“GIORNATA DELLA MEMORIA, DE CAROLIS: “RACCONTARE L’ORRORE PERCHÈ NON ACCADA PIÙ”

Morti in nome di un’ideologia. Oltre 40mila gli italiani deportati nei campi di concentramento. In totale 6milioni di vittime. Mauthausen, Dachau, Buchenwald, Auschwitz: questi i nomi dell’orrore.
Chi riuscì a tornare, stanco, debilitato, dimagrito, ammalato, non si è mai ripreso dall’orrore visto e vissuto sulla propria pelle. In molti non riuscivano neppure a parlarne.
Nessuno poteva credere che la follia nazista potesse essere vera, reale. Anche se provata in prima persona.
“Se finiamo in un campo, nessuno saprà più nulla di noi”: parlava così chi sapeva, chi aveva intuito che quei viaggi non sarebbero stati per lavoro. Un lavoro che uccideva. Un incubo di dolore e sofferenza.
La libertà è stata pagata a caro prezzo. Subendo torture e violenze, patendo gli stenti. E in tanti, troppi, non ce l’hanno fatta a tornare a casa.
Abbiamo imparato, dalla storia, che quella libertà è stata pagata a caro prezzo. Un valore che scopri solo quando la perdi: perché ti viene tolta.
E allora il nostro dovere è quello di raccontare, ricordare, trasmettere la memoria. Odio e razzismo, prima che fatti, sono parole pericolose.
Dobbiamo spiegare ai più piccoli il loro significato di crudeltà. In giornate come questa, in cui si ricordano le vittime della shoah, ma non solo. La memoria va coltivata giorno per giorno. Per non dimenticare” lo scrive sulla sua pagina facebook il sindaco Marco De Carolis.”

Infine la celebrazione della Giornata della Memoria a Marino:

“A MARINO CELEBRATA LA GIORNATA DELLA MEMORIA

MESSO A DIMORA UN ULIVO DELLA PACE PER RICORDARE

LE VITTIME DELLA SHOAH

E’ stata celebrata a Marino mercoledì 27 gennaio 2016 la Giornata della Memoria, per ricordare la data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz.

Alle ore 10,00 nel parco comunale di Villa Desideri, nei pressi della Biblioteca civica “V. Colonna”, è stato posto a dimora l’Ulivo della Pace ad opera del Sub Commissario Prefettizio dr. Marcello Zottola, in memoria delle vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti ed è stata scoperta una targa a futura memoria dell’evento.

Alla cerimonia erano presenti gli alunni della scuola elementare A. Frank e della media P. Levi di Frattocchie, dell’Istituto Maestre Pie Venerini di Marino e del Liceo Artistico Marino-Ciampino.

Sono intervenuti rappresentanti della Guardia di Finanza di Frascati, della Compagnia dei Carabinieri di Castelgandolfo, delle Stazioni di Marino e S. M. Mole, del Commissariato di Polizia di Stato di Marino, della Polizia Locale, della Protezione Civile di Marino e le Guardie Zoofile locali.

Il dr. Zottola, attorniato dai bambini più piccoli, ha intrecciato con loro un serrato dialogo interattivo, si è soffermato sull’importanza dei valori nella società di oggi sottolineando come l’Ulivo piantato sia un segno rilevante da lasciare alle future generazioni, esortando altresì gli insegnanti a conservare e tramandare la memoria di eventi come quello della Shoah ricordato oggi.

Il Presidente Nilo Rizzo della Sezione ANPI di Marino si è complimentato con il Commissario Straordinario per aver voluto celebrare, per la prima volta con tale rilievo, la Giornata della Memoria a Marino. Rizzo ha anche sottolineato l’importanza di far conoscere ai ragazzi delle scuole la Storia in tutte le sue vicende, specie quelle così tragiche e dolorose come la persecuzione razziale e l’Olocausto.

Al termine della cerimonia la lettura, da parte di Marika della III A della scuola media P. Levi, della poesia “Se questo è un uomo” scritta da Primo Levi durante il periodo della persecuzione degli ebrei nella Seconda Guerra Mondiale, poesia d’apertura dell’omonimo libro”.

Print Friendly, PDF & Email