La Libertas Genzano conquista la salvezza in serie B1

0
1377
Libertas Genzano Fattori e Marinelli
Esultanza di Matteo Fattori e Michele Marinelli – Libertas Genzano Pallavolo

Alla sua prima stagione di B1 maschile dopo un’assenza di 15 anni dalla categoria, la matricola Libertas Genzano centra, con due giornate di anticipo, l’obiettivo che si era prefisso all’inizio dell’annata agonistica, ossia la salvezza ed il conseguente mantenimento del titolo. Ciò in virtù del successo casalingo ottenuto sabato contro i pugliesi dell’Altamura e della sconfitta domenicale patita dai siciliani del Giarratana in quel di Potenza, portando così la distanza con la terz’ultima in graduatoria a 9 punti a sole due tornate dal termine della stagione regolare. Una stagione quella dei  biancazzurri dei Castelli iniziata alla grande tanto da portare i ragazzi di coach De Sisto nelle zone alte della graduatoria sino a Natale, con risultati eclatanti. Con l’inizio del nuovo anno solare sono iniziati i problemi, accentuatisi con  l’autoabbandono della squadra a fine Febbraio da parte del palleggiatore titolare Bacci, una serie incredibile di infortuni che hanno costretto i tecnici a disputare le restanti gare in estrema emergenza e con grandi difficoltà ad allestire un sestetto in grado di scendere in campo e spesso con stravolgimento dei ruoli. Alla fine, stringendo i denti e grazie alla grande professionalità e disponibilità di tutti, i ragazzi, pur incerottati e rattoppati, sono riusciti a raggiungere quello che la Società si era prefisso ad inizio stagione. Quindi un sincero e grande ringraziamento di cuore giunga agli atleti ed allo Staff intero per la partecipazione, l’impegno profuso e la serietà mostrata in questi mesi, in campo e fuori, nonostante tante problematiche e numerosi  elementi avversi.

La gara contro Altamura era importante proprio per tanti motivi e con la massima concentrazione capitan Fattori e compagni l’hanno fatta propria, dominando i primi due set, calando di rendimento nel terzo e pagandone il parziale, ma poi  chiudendo i giochi con una terza frazione intensa per applicazione e determinazione. De Sisto per l’importante gara ha riproposto all’inizio la formazione nei ruoli base con Fattori in cabina di regia in diagonale con Roberti opposto, Di Belardino e Michele Marinelli a banda, Conflitti ed Antonucci al centro e Mazzolena libero. Prime due frazioni, come detto, con la Libertas in cattedra a dettare trame e gioco, con punteggi eloquenti : 25-18 e 25-14. Nel terzo set gli ospiti reagivano e tentavano di rimettersi in corsa, aggiudicandosi il parziale per 22-25. La scossa però arrivava prontamente dalla panchina ed il quarto gioco era uno monologo o quasi: 25-17 e tutti sotto la doccia. Pera subentrava ad Antonucci al centro sul 21-12 nel corso del secondo set, concludendo poi in campo sino al termine. Luca Marinelli entrava varie volte nel match, specie nel turno di battuta. Top scorer della gara l’opposto di casa Luca Roberti con 24 punti, seguito da Michele Marinelli a quota 17. Centrato l’obiettivo stagionale, i genzanesi si apprestano a concludere il torneo, accingendosi, per l’impegno della penultima giornata, ad affrontare la trasferta più lunga della stagione sabato prossimo a Giarratana, in provincia di Ragusa, nella zona sud della Sicilia.

Ad majora, Libertas! Che il futuro ti sia roseo, lo meriti.

 

LIBERTAS  GENZANO – DOMAR VOLLEY ALTAMURA (Bari)        3-1

(25-18 ; 25-14; 22-25; 25-17)        

LIBERTAS GENZANO: Roberti  24, Antonucci 2, Di Belardino 8, Conflitti  9,  Marinelli Michele 17,  Di Caprio,  Fattori (cap.) , Pera 6,  Marinelli Luca, Mazzolena (libero) (ricez.pos. 50%; perf.42%)  – 1° All.: De Sisto – 2° All.: Emili

Ace: 10 – Battute sbagliate: 12 – Muri punto: 11

DOMAR V. ALTAMURA: Petronella, Cutecchia 4, Chierico, Lacalamita 8, Sette (cap.) 13, Lomumo 4, Minenna 16, Maniullari, Disabato (1° libero: ricez. pos.44%; perf. 33%), Rago (2° libero) – All.: Paglialunga

Ace: 3 – Battute sbagliate: 15- Muri punto: 7

Arbitri: Davide Di Dio Perna (Enna) e Sergio Pecoraro (Palermo)

Danilo Mancini

Print Friendly, PDF & Email