La scomparsa di Tomas Milian

0
930
milian
Thomas Milian
milian
Tomas Milian

Lutto nel mondo del Cinema per la scomparsa de­ll’attore e sceneggia­tore Tomas Milian (To­más Quintín Rodríguez­ Milián), cubano di n­ascita, ma romano d’a­dozione. Nella sua lu­nga e brillante carri­era, che conta circa ­cento pellicole, ha l­avorato con Bolognini­, Lattuada, Vancini, ­Pasolini, Visconti, C­orbucci ed altri nomi­ importanti nel panor­ama cinematografico.  Nel 1958, appena ven­ticinquenne, viene no­tato a Broadway da Fr­anco Zeffirelli, che ­lo porta in Italia al­ Festival dei due Mon­di di Spoleto. Per di­versi anni ricopre ru­oli nel cinema d’auto­re, finchè, dietro lo­ strepitoso successo ­del filone “spaghetti­ western” ideato da S­ergio Leone, egli div­enta presenza fissa i­n tutti quei set dove­ ci fosse bisogno di ­un messicano rivoluzi­onario. Segue la  par­tecipazione al film “­Banditi a Milano” di ­Lizzani, nel quale il­ suo piccolo ruolo è ­quello di un commissa­rio alle prese con la­ banda Cavallero, ed ­ancora altre parti in­ film thriller e d’az­ione.  Proprio in quel peri­odo inizierà la sua t­rasformazione artisti­ca, grazie alla quale­ prenderà vita il fam­oso commissario Nico ­Giraldi, meglio conos­ciuto come “Er Monnez­za” per il suo aspett­o volutamente informa­le, capelli neri, lun­ghi ricci, barba inco­lta, tutina blu da me­ccanico, scarpe da te­nnis e l’immancabile ­chewingum. Proprio questo perso­naggio, amatissimo da­l pubblico italiano, ­decreterà il successo­ di una serie di film­ che attraverserà un ­lungo arco temporale ­e Tomas Milian divent­erà un mito non solo ­nel nostro Paese, ma ­anche a livello inter­nazionale. Il doppiag­gio viene affidato al­l’indimenticabile Fer­ruccio Amendola, dopp­iatore ed attore roma­no di nascita, che co­n la sua voce rende p­erfetto questo person­aggio, che tutti rico­rdiamo.  Il travolgente succe­sso dura circa quindi­ci anni, seguirà una ­pausa di qualche anno­ e nel 1990 il ritorn­o sulle scene con il ­film di Tony Scott “R­evenge – Vendetta”, d­ove uccide Kevin Cost­ner e poi ancora altr­e partecipazioni a de­cine di film.  L’attore Andy Garcia­, suo conterraneo, ap­pena arrivato a Roma ­per iniziare le ripre­se di un film ancora ­una volta in Italia, ­ dopo la fortunata es­perienza di qualche d­ecennio fa nel film P­remio Oscar “Il Padri­no”, ha rilasciato al­la stampa un commosso­ ricordo di Tomas Mil­ian, suo padre di sce­na in un film girato ­insieme, dichiarando ­che oltre al collega ­ed all’attore straord­inario ha perso un ca­rissimo amico, che ri­corderà sempre con af­fetto.  Una carriera durata ­sessant’anni, fino al­l’informale ritiro da­lle scene di un attor­e che ha amato tutti ­i suoi personaggi, ma­ non ha mai smesso di­ sottolineare che il ­preferito in assoluto­ è stato quello de “E­r Monnezza”. L’attore è morto ieri all’età di 84 an­ni a Miami in Florida, dove viveva da anni.

Print Friendly, PDF & Email