Lanuvio, seminario di storia dei Comunisti italiani venerdì 15 gennaio

0
1904
alex-hobel-ugo-moro-oliviero-diliberto-maurizio-aversa-luca-battisti-537x350
Alex Hobel Ugo Moro Oliviero Dilibert Maurizio Aversa e Luca Battisti
alex-hobel-ugo-moro-oliviero-diliberto-maurizio-aversa-luca-battisti-537x350
Alex Hobel Ugo Moro Oliviero Dilibert Maurizio Aversa e Luca Battisti

LANUVIO-CAMPOLEONE. PROSEGUE IL SEMINARIO SULLA STORIA E LA POLITICA DEI COMUNISTI IN ITALIA. VENERDI’ 15 ALLE ORE 18.00 NUOVO APPUNTAMENTO CON ALEX HOBEL. PRESIEDE GIOVANNINO SANNA.

Prosegue con una ricca partecipazione, lo svolgimento del seminario dedicato alla storia dei Comunisti in Italia (storia del PCI e non solo) che si tiene presso i locali della sezione PCdI di Campoleone, in vi Enrico Berlinguer.

Venerdì 15 alle ore 18.00 lo storico Alex Hobel, terrà una relazione sul periodo tra “Il Compromesso Storico e la morte di Enrico Berlinguer”.

Sarà quindi scandagliata tutta la tumultuosa esperienza comunista che si intrecciava, in quegli anni, con gli assalti imperialisti, come nel Cile; la resistenza e la vittoria del Vietnam contro l’infinita guerra trascinata dagli USA; la strategia della tensione e il terrorismo in Italia; la crescita di consensi del PCI; l’arrembante protagonismo politico craxiano; milioni di giovani e di operai permanentemente in lotta.

Materia che, non per caso, e non solo per studio, è sicuramente portatrice di riflessioni, di indicazioni anche oggi attualissime, oltre che utili.

Il segretario della Federazione Castelli, Giovannino Sanna, che è stato anche uno dei protagonisti di quel periodo, nel sottolineare la bontà dell’iniziativa voluta e costruita dalla Sezione di Campoleone, invita “non solo gli iscritti comunisti, non solo gli appassionati di politica e storia, ma soprattutto i tantissimi giovani. Giovani che, proprio in questi anni “renziani”, ben comprendono come occorra impegnarsi nella conoscenza del nostro recente passato per utilizzare tutti gli strumenti coerenti per innovare la politica e offrire alle giovani generazioni e ai cittadini riferimenti che siano realmente alternativi al capitalismo e al qualunquismo.”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email