Lariano, in consiglio comunale approvati punti su mensa scolastica e Tari

0
668
assessoremattacchioni
L'assessore Maurizio Mattacchioni
assessoremattacchioni
L’assessore Maurizio Mattacchioni

Sono state approvate in consiglio comunale le modifiche alla tariffa della mensa scolastica con le quali l’amministrazione comunale ha inteso andare incontro alle esigenze e disagi vantati da tante famiglie in merito al costo del pasto della mensa. Ricordiamo che la questione ad inizio dell’anno scolastico in corso aveva portato ad alcune proteste di una parte di genitori. L’amministrazione guidata dal sindaco Maurizio Caliciotti ha da subito affrontato con energia la questione in sinergia con gli uffici comunali, con vari incontri con il comitato Mensa e con il Consiglio D’Istituto, con un primo intervento importante con la delibera di metà ottobre scorso che ha previsto una variazione del costo del pasto per la quarta, quinta e sesta fascia ISEE (quindi circa il 70% degli utenti), con l’impegno preso poi dopo l’approvazione del Dup(documentazione unico di programmazione) di rivedere le tariffe allegate e rimodulare le fasce Isee. L’amministrazione Caliciotti, prendendo fede agli impegni presi con il comitato dei genitori è intervenuta ora rimodulando le fasce Isee apportando anche una diminuzione dei costi. E’ stato revisionato l’articolo 8 del regolamento di servizio di refezione scolastica che prevede nuove fasce di reddito e diminuzione di costi. Per la 1 fascia Isee da 0 a 5000 euro si pagherà 2,60 euro a pasto, per la seconda fascia Isee da 5000,01 a 7500 euro 3 a pasto, terza fascia da 7500.01 a 10.000 euro 3,50 euro a pasto,4 fascia da 10 a 15 mila si pagherà 3,80 euro, quinta fascia da 15 a 20 mila 4 euro, per chi supera i 20 mila e per i non residenti verrà applicato il costo pieno del pasto deciso in sede di aggiudicazione con la nuova ditta.” Questa amministrazione- ha affermato l’assessore alla pubblica istruzione Maurizio Mattacchioni- è sempre sensibile alle esigenze del mondo della scuola, settore cardine di tanti interventi realizzati durante questi quattro anni di mandato con le nostre scuole il vero fiore all’occhiello di tutto il territorio provinciale. Su tale tematica del costo del pasto della mensa ci siamo attivati prontamente con tanti incontri con il Comitato Mensa e con il Consiglio D’Istituto e dopo un primo tassello ad Ottobre, ora siamo arrivati a questo secondo intervento che va incontro alle esigenze di tanti nuclei familiari. Stiamo predisponendo il nuovo bando e lo renderemo pubblico a breve con l’auspicio che il servizio venga affidato ad una ditta di qualità, che consenta al contempo un risparmio. Da parte nostra abbiamo fatto il possibile per venire incontro alle esigenze delle famiglie, tenendo conto che il comune ha stanziato 90 euro per la compartecipazione sul costo della mensa”. Durante l’assise poi si è parlato dell’approvazione del piano finanziario tariffe e scadenze di versamento della Tari per il 2016. Piano finanziario che prevede la diminuzione delle tariffe dell’8% per le utenze domestiche e -7% per le utenze non domestiche. In merito l’assessore all’ambiente Fabrizio Ferrante Carrante:” Questa riduzione della Tari è un tassello e un segnale molto importante messo a segno da questa amministrazione, dovuto all’efficienza della raccolta differenziata in merito alla quale si è superato ampiamente il 65% della differenziata, con alcuni picchi vicini al 70%. Considerando poi che per il costo delle bollette bisogna per legge coprire il 100% del costo del servizio, esser riusciti ad arrivare a questa riduzione della Tari è ancora più motivo di soddisfazione e segno evidente che c’è stato un gran lavoro e opera di sensibilizzazione di questa amministrazione e grande plauso va anche a tutti i cittadini che contribuiscono alla tutela dell’ambiente con una corretta differenziata. Non ci fermeremo qui e continueremo su questa strada con l’obiettivo di far di Lariano uno dei Comuni più virtuosi per la differenziata per l’intera Regione con l’auspicio di arrivare ad un ulteriore ribasso della Tari”. Per quanto riguarda invece l’addizionale comunale all’irpef, l’aliquota è rimasta invariata rispetto lo scorso anno. Per quanto riguarda l’IMU( imposta municipale propria) l’aliquota per il 2016 è rimasta invariata rispetto lo scorso anno.

 

Print Friendly, PDF & Email