L’Asd Frascati fa visita alla matricola Nuovi Castelli Romani

0
763
bordoni
Valerio Bordoni
bordoni
Valerio Bordoni

Quando sei la capolista, le altre non vedono l’ora di farti lo sgambetto. E sarà così anche domenica a Castel Gandolfo, dove l’Asd Frascati farà visita a una Nuova Castelli Romani desiderosa di compiere quella che, a tutti gli effetti, potrebbe essere considerata un’impresa.

Nessun pensiero ai 6 punti di vantaggio sulla prima inseguitrice, nessuno spazio a pericolosi cali di concentrazione: i frascatani vogliono continuare la scia positiva e, per riuscirci, dovranno dare il massimo contro una formazione che è molto di più di una matricola terribile.

“Non ci sono partite facili e il cammino dei nostri avversari ci impone la massima attenzione –spiega Valerio Bordoni, che però non sarà in campo causa squalifica- in più giochiamo su un campo di terra, terreno non certo congeniale alle nostre caratteristiche. Però l’obiettivo non cambia: puntiamo al bottino pieno”.

Nello spogliatoio non si parla di “fuga”, nessuno guarda più in là del proprio naso. La concentrazione è tutta orientata al presente. Semmai, c’è la consapevolezza, avvalorata dai risultati, di avere tutte le carte in regola per proseguire sulla strada fin qui intrapresa. “Di sicuro non c’è una formazione ammazza-campionato come fu il Cori la passata stagione –continua il centrocampista castellano- però ci sono tante squadre attrezzate che giustamente ambiscono alle prime posizioni. Noi stiamo facendo bene, ma siamo abbastanza maturi per capire che il campionato è ancora lungo e le insidie sono sempre dietro l’angolo. Per cui è importante mantenere i nervi saldi e lavorare con impegno fino alla fine, solo così possiamo pensare di raggiungere traguardi importanti. L’anno scorso eravamo partiti altrettanto bene poi una serie di fattori, in primis alcune nostre mancanze, hanno spazzato via tutto ciò che di buono avevamo fatto per oltre metà stagione. E’ un insegnamento che dobbiamo sempre tenere a mente, per evitare di ripetere gli stessi errori”.

Print Friendly, PDF & Email