Libertas Genzano, matchball per la serie C maschile

0
898
serie_c_libertas_genzano_vs_apsia_club_roma
Immagine del match tra la Serie C della Libertas Genzano e l'Apsia Club Roma
serie_c_libertas_genzano_vs_apsia_club_roma
Immagine del match tra la Serie C della Libertas Genzano e l’Apsia Club Roma Ma

Match ball, match point, punto della vittoria, una sorta di rigore calcistico. Chiamatelo come volete ma nella sostanza è e resta una grossissima chance di chiudere i giochi a proprio favore. Questo il privilegio acquisito dalla Libertas Genzano nella 25^ e penultima gara del Campionato di Serie C Maschile. Opposti ai romani della Apsia Club che non hanno più nulla da chiedere a questa stagione agonistica in ottica di classifica, i biancazzurri hanno rispettato i pronostici della vigilia ed hanno incamerato i tre punti in palio agevolmente, con un prestazione determinata e grintosa, come lo richiedeva il protocollo di gara. Vittoria netta che ha aggiunto nella classifica del girone quei 3 punti indispensabili e vitali sia per mantenere la testa della graduatoria sia per rintuzzare le velleità dell’antagonista Virtus Roma, a sua volta vincitrice del suo match casalingo contro la già retrocessa Anzio. Stando così le cose, alla vigilia dell’ultima tornata, i genzanesi si presentano alla volata finale con 1 preziosissimo punto di vantaggio sugli antagonisti della stagione, potendo giocarsi in pieno le proprie possibilità di vittoria finale. Vale a dire che i ragazzi del coach Giampaolo Emili possono disporre completamente del  risultato e sono artefici “in toto” del proprio destino sportivo sabato prossimo in casa della Lazio, senza essere con l’ansia di conoscere a tutti i costi il risultato della gara della Virtus Roma, che, tra l’altro, giocherà il proprio impegno il giorno successivo, la domenica, in casa del Prati. Questo il quadro che si presenta quando c’è solo una gara da disputare in calendario e si intravede il traguardo alla fine del rettilineo.

Per venire alla cronaca, la partita contro l’Apsia di mister Savino Guglielmi in verità non ha presentato particolari motivi di pathos e lo score finale ne è testimone: 16, 14 e 15 i punti raccolti nei singoli set dai capitolini sul taraflex della Marchesi, frutto di un superiorità dei padroni di casa mai messa in discussione nell’arco dell’ora ed un quarto di durata della gara. I padroni di casa sono scesi in campo con la consueta formazione e con Edoardo Menichelli (9 punti per lui) al centro a far coppia con Nichilò. Confermato nel ruolo di opposto Valerio Fratarcangeli, autore di 14 punti finali. In doppia cifra anche lo stesso Nichilò e Franceschetti (entrambi a quota 12) e Marinelli (10). Subito evidente in campo sin dall’inizio la differente carica e concentrazione fra le due formazioni, determinata dai differenti obiettivi del momento. Primo set in cassa dei biancazzurri, con il 25-16 conclusivo firmato da un muro di Menichelli. Stesso canovaccio nella seconda frazione con Franceschetti a chiudere sul 25-14 con un mani e fuori. In pieno controllo dei locali anche il terzo gioco, con Luca Marinelli a certificare il 25-15 finale con un ace vincente. Moltissimi i cambi effettuati dalla panchina dagli ospiti durante l’arco del match ma che non sono stati sufficienti per mutare l’inerzia della partita.

Tra i padroni di casa, nel finale spazio anche per l’esordiente giovane Matteo Furzi (applauditissimo il suo ingresso) e Simone Fattori.

L’appuntamento per i supporters castellani è dunque per sabato 9 Maggio prossimo al PalaLuiss, pallone B di Via Martino Longhi (Piazza Mancini) a Roma. L’inizio del confronto è fissato per le ore 16.00. Una data ed un orario da tenere bene fissi in mente durante la settimana. Non aggiungiamo altro.

LIBERTAS  GENZANO  –  APSIA CLUB ROMA         3-0

(25-16; 25-14; 25-15)

LIBERTAS GENZANO:  Nichilò 12,  Franceschetti 12,  Fratarcangeli 14,  Fattori Matteo  (cap.) 1, Marinelli Luca 10, Fattori Simone,  Menichelli 9,  Corsetti Gabriele, Dominizi,  Andreassi,  Furzi, Mastrostefano (1° libero), Pasciuto (2° libero)  – 1° All.: Emili – 2° All.: Rosati

Arbitri: Sara Rossi e Giuliano Mangosi

 

Print Friendly, PDF & Email