L’Unione sportiva Lepanto festeggia i suoi 90 anni a Palazzo Colonna

0
978
festa_90_anni_unione_sportiva_lepanto
Festeggiamenti 90 anni Unione Sportiva Lepanto
festa_90_anni_unione_sportiva_lepanto
Festeggiamenti 90 anni Unione Sportiva Lepanto

Lo scorso 22 febbraio la società dedicata ai ragazzi che, nata nel 1923 quando a Marino una realtà del genere ancora non esisteva, ha compiuto i suoi primi novanta anni di vita. Celebrati con una speciale cerimonia a Palazzo Colonna dove i ragazzi, il direttivo, gli allenatori, i dirigenti e il presidente della Lepanto Massimo Gargano, sono stati accolti dall’assessore alla Cultura Arianna Esposito. A significare i risvolti culturali di una realtà dalle infinite possibilità. «90 anni, un percorso di crescita verso un inizio sempre nuovo – ha affermato l’assessore – portato avanti stagione dopo stagione, obiettivo dopo obiettivo, difficoltà dopo difficoltà, con successi e soddisfazioni. A tenere alto il nome e il prestigio della città e a confermare il senso di amicizia e fratellanza che ha ispirato i suoi fondatori. Innumerevoli, negli anni i ragazzi che, in nome del senso di appartenenza, hanno vestito i colori della Lepanto incarnandone i principi di socializzazione, aggregazione, solidarietà e rispetto alla base del pensiero ispiratore di Zaccaria Negroni e monsignor Guglielmo Grassi». Un traguardo, quello dei novanta anni di vita, festeggiato e condiviso con Melchiorre Zarelli, presidente Fgci Comitato Regionale Lazio «Lepanto società esempio per tutte le realtà sportive» ha detto sottolineando il valore dello sport nella formazione dei ragazzi con gli allenatori «veri e propri maestri di vita». Con lui il senatore Bruno Astorre, che ha ricordato, facendo riferimento alla sua esperienza oratoriale giovanile, il valore di una società che, nata con semplicità e umiltà quale emanazione dell’Oratorio fondato da monsignor Grassi e Zaccaria Negroni, si è rivelata un riferimento fondamentale nel percorso di crescita di tantissimi giovani. A salutare la società sportiva «che rende vivo l’orgoglio di essere marinesi in nome dello sport senza mai perdere di vista la finalità» anche il consigliere regionale Adriano Palozzi, già sindaco della città. Con lui monsignor Pietro Massari, abate parroco della Basilica di San Barnaba «Lo sport senza formazione non risponde all’idea di Zaccaria Negroni e della Chiesa. Per questo nella Lepanto lo sport si fa con la passione e con il cuore, in un nucleo dove i ragazzi mettono le loro capacità al servizio di altri ragazzi in un contesto dove vince la vita, nel tutto, comunque e sempre». Presente anche il consigliere Fabio Silvagni, membro della Commissione Sport che, nel complimentarsi con la società sportiva per il traguardo raggiunto, ha ricordato i risultati raggiunti dall’Amministrazione in tema di impianti sportivi. «Alla Lepanto, così a come tutte le società sportive marinesi, il nostro orgoglio – ha detto Silvagni – la sempre piena disponibilità a collaborare, per far crescere ancora di più e valorizzare il comparto sportivo, elemento prezioso per la comunità. Una ricchezza che, costruita giorno dopo giorno, con infinita pazienza da tante persone, parla di aggregazione, partecipazione e grandi valori sociali. A tutto il comparto sportivo, dagli allenatori ai magazzinieri, dagli incaricati alle pulizie fino ai dirigenti e agli sponsor e alle famiglie, il nostro grazie». «Lo sport, il calcio, la Lepanto, che aspira ad essere sempre più opportunità di crescita e formazione partecipata da famiglie e scuola, una vera squadra – ha affermato il presidente Massimo Gargano – sono pronti a fare, come sempre, la loro parte, ad assumersi le proprie responsabilità nel settore in cui sono impegnati. Agli sponsor, gli atleti, le autorità sportive e istituzionali che ci sono state vicine, il nostro ringraziamento. Alla luce dei risultati conquistati dalle nostre squadre e del progetto di una Polisportiva che oggi sembra finalmente possibile». Tra i presenti alla manifestazione anche i consiglieri Emanuele Ciamberlano ed Enrico Iozzi. Presenti le vecchie glorie della Lepanto tra le quali il «Bomber per caso» Paolo Santarelli. A prendere parte all’evento i componenti la dirigenza tra i quali il presidente onorario Ezio Pacifici, i vie presidenti Luigi Muccini e Maurizio Schiaffini, il segretario Franco Martella e molti fra i componenti il consiglio direttivo. Nel corso della serata, sono stati premiati i ragazzi della Juniores che hanno vinto il campionato regionale Juniores Under 21.

Print Friendly, PDF & Email