Lupa Frascati, Crisari lancia la sfida al Genzano

0
692
crisari
Crisari
crisari
Crisari

Lupa Frascati, Crisari lancia la sfida al Genzano: “Per noi fondamentale fare risultato”

Dopo il successo sul Garbatella l’undici di Ferri torna in campo domani per il recupero di campionato. L’attaccante, match winner domenica scorsa, punta alla continuità: “Un’altra vittoria ci avvicinerebbe alla matematica salvezza”

Una vittoria sofferta ma meritata per il cuore, lo spirito di sacrificio, la voglia di arrivare insieme al traguardo. La Lupa Frascati si gode i tre punti ottenuti domenica scorsa contro la Garbatella ma non c’è tanto tempo per crogiolarsi, domani si torna di nuovo in campo e si annuncia un’altra battaglia, nella “tana” dello Sporting Genzano. Sarà un undici, quello frascatano, ancora una volta falcidiato dalle assenze ma proprio il successo del “Mamilio”, arrivato dopo due turni di digiuno completo, può essere la chiave per cercare quella continuità necessaria per arrivare all’obiettivo.

“Un’altra gara importantissima – spiega Daniele Crisari – al cospetto di una formazione ben organizzata, che ha qualità importanti. Per noi è fondamentale fare risultato, per avvicinarci il più possibile alla salvezza matematica. Nell’ultimo periodo abbiamo faticato un po’ ma credo sia stato un calo fisiologico, dovuto alle tante defezioni. Aver ritrovato il successo ci sarà sicuramente di stimolo, vogliamo chiudere questa stagione nel migliore dei modi”.

E il gol da tre punti, contro la Garbatella, lo ha messo a segno proprio Daniele Crisari. Che si è preso finalmente una grande soddisfazione all’interno di una stagione abbastanza “travagliata”. “Una bella emozione – continua l’attaccante – sia perché è stato il primo sigillo in campionato, sia perché alla fine è risultato determinante per fare bottino pieno. Quest’anno non è stato semplice per me, all’inizio ho avuto poco spazio e ho dovuto adattarmi a un ruolo diverso a quello a cui ero abituato. A gennaio avevo anche preso in esame l’ipotesi di prendere altre strade ma poi sono tornato sui miei passi, pensando al rapporto che mi lega ai miei compagni, alla serenità dell’ambiente, al feeling che c’è sempre stato e che c’è con il mister e che va oltre qualsiasi decisione tecnica. Adesso sto bene, sono contento del mio contributo. E spero di continuare così fino al termine del campionato”.

Print Friendly, PDF & Email