Mal digerito pari interno del Rocca Priora calcio contro Valmontone

0
993
marco rocchi
Il vicepresidente del Rocca Priora calcio Marco Rocchi.
marco rocchi
Il vicepresidente del Rocca Priora calcio Marco Rocchi.

Uno 0-0 molto amaro, probabilmente peggiore del 6-0 subito a Subiaco la settimana precedente. La Promozione del Rocca Priora non riesce a piegare al “Montefiore” il Valmontone ultimo della classe e il punticino non serve a fare quel salto di qualità in classifica che sarebbe servito come l’ossigeno ai ragazzi di mister Del Grosso. «Sono sicuramente due punti persi – dice il vice presidente Marco Rocchi – perché affrontavamo l’ultima della classe e per di più sul nostro campo. Purtroppo ci siamo complicati la vita da soli rimanendo in dieci poco prima dell’intervallo (espulso Bornigia per un’espressione ingiuriosa nei confronti del direttore di gara, ndr) e la colpa quindi è solo nostra. E’ un peccato perché anche nel secondo, in inferiorità numerica, abbiamo avuto la supremazia territoriale a dimostrazione che era una gara alla nostra portata. La società ha già parlato coi ragazzi perché non tollera questo tipo di errori, ma ora dobbiamo rimboccarci le maniche e guardare avanti». L’ultima gara dell’anno, però, non sarà per niente comoda. «Faremo visita al Velletri primo della classe – ricorda Rocchi –, ma ci aspettiamo una prestazione all’altezza da parte della squadra, soprattutto con la testa giusta. E’ chiaro che non sono quelle le gare in cui dobbiamo fare punti, ma sappiamo com’è imprevedibile il calcio». Il vice presidente è molto realista quando si parla di classifica. «Siamo al terzultimo posto e l’aspetto positivo è che abbiamo quattro punti sulla penultima della classe (la prima delle retrocesse dirette a fine campionato, ndr). L’obiettivo è chiaramente tenere lontane le squadre che ci sono alle spalle e provare a toglierci dalla zona play out». Per farlo non è escluso che la società scelga di intervenire sul mercato, dopo aver preso circa un mese fa l’attaccante Davide Luciani. «Stiamo valutando il da farsi e siamo attenti alle possibili occasioni che possono nascere» conferma Rocchi.

Print Friendly, PDF & Email