Marco Bosstare e il suo F1 Club Italia

Marco, admin di F1 Club Italia, racconta l'esperienza di un gruppo di amici che dal 2014 ha organizzato un campionato virtuale motoristico

0
985
f1_club_italia
“Il nostro campionato nasce nel 2014 come gruppo di amici che si incontra settimanalmente per fare delle gare, nasce ed è tuttora un campionato dove prima della velocità in pista viene la correttezza tra i vari metri nel gioco e nei vari gruppi ed il divertimento” inizia con queste parole a raccontare Marco per tutti Bosstare, admin di F1 Club Italia.
“Non avevamo alcun social, il canale youtube agli inizi era un’utopia. Con l’avvento di F1 2015, entrarono ancora altri piloti, all’epoca ancora per amicizia più che per conoscenza del campionato, si poteva difatti entrare solo se amico di qualcuno che vi partecipava. Il gruppo ebbe un notevole incremento, giungendo così alla creazione di 2 categorie da 20 piloti.
Insomma, iniziava già a divenire un qualcosa di più ampio e “professionale”. Proprio in quell’anno venne creato il nostro canale youtube, attualmente ancora in uso, F1 Streaming Club Italia. Venivano trasmesse le dirette esclusivamente per essere riviste dai piloti stessi in seguito alla gara e farci due risate sopra. Inizialmente non vi era neppure il commento, era tutto ancora in fase embrionale. La svolta vera e propria arriva con F1 2016; 2 categorie ben affermate (F1 e Gp2), sotto la mia gestione che venivo chiamato dagli altri Bosstare perché per scherzo è nata la regola numero 10. “Il boss ha sempre ragione anche quando ha torto” che vige tutt’ora e le live con il commento di un maestoso Matteocc18 affiancato dal commento tecnico di Rossifum – continua a raccontare lo stesso Bosstare.
Insieme a me, nella gestione del campionato c’erano Abusive e Civas ed in seguito si è unito Sgambasten. Le live iniziavano ad attirare spettatori oltre ai piloti stessi e ciò portava il canale youtube a crescere. Alla fine di F1 2016 si era già superata quota 150 iscritti, un traguardo veramente importante e insperato visto com’era nato il tutto. Altra tappa fondamentale della crescita del campionato avviene su f1 2017 nel quale si arriva a 60 piloti formando 3 categorie (F1,gp2,gp3) ed entra nel campionato MattiaFS inizialmente come pilota, poi come commentatore ufficiale in sostituzione di Matteo allontanatosi visti i tanti impegni della vita privata.
Mattia nell’anno a seguire diventerà il perno delle live per tutte le categorie sempre ben affiancato da Trolly. Il canale negli ultimi 2 anni è cresciuto a dismisura fino agli attuali 1500 iscritti e 40-50  spettatori in diretta e circa 500-600 visualizzazioni. Partiti come gruppo di amici siamo arrivati ad essere tra i primi campionati di F1 in Italia e questo ci fa moltissimo onore. Gli aiuti nel nostro campionato sono liberi, perché il nostro scopo è il divertimento e l’amicizia, per passare delle ore insieme staccando la spina dalla quotidianità. Il canale YouTube è di tutti i ragazzi che partecipano al campionato difatti ognuno può fare video o live e ogni piccola somma che si riesce ad accumulare viene utilizzata per prendere dei piccoli trofei di ricordo che vanno ai vincitori delle categorie. Ogni anno ci sono promozioni e retrocessioni da una categoria all’altra in base alle classifiche finali – si avvia alla conclusione Marco.
Abbiamo anche un profilo instagram e una pagina Facebook e ognuno fa la propria parte, chi le grafiche per YouTube, chi gestisce i vari social e tutti si impegnano per rendere tutto più bello.
Nel prossimo campionato ci saranno delle novità, probabilmente avremo un sito internet, YouTube in nuova veste grafica e molto altro che però verrà svelato col nuovo gioco che uscirà il 28 Giugno di quest’anno – conclude l’admin di F1 Club Italia”.

 

Print Friendly, PDF & Email