Marino, Fabrizio De Santis presenta il Movimento 2.0

0
1510
movimento_2.0
Movimento 2.0
movimento_2.0
Movimento 2.0

 “Movimento 2.0 è un’Associazione politico – culturale nata per approfondire e vivere attivamente i tanti temi amministrativi e culturali che toccano il nostro territorio da Marino centro a tutte le frazioni – esordisce così la nota stampa firmata dal presidente dell’associazione Fabrizio De Santis, più volte vicesindaco del Comune di Marino.

“Idee e confronto” è lo spot che caratterizzerà il Movimento 2.0 che nel suo nome esprime la sincera voglia di proiettarsi al futuro.

Pur rendendoci conto che in quest’ultimo anno di vita politica amministrativa nel nostro Paese abbiamo assistito ad eventi straordinari, spesso connotati da confronti aspri e di sicuro poco edificanti, non possiamo cancellare comunque il buon governo dell’ultimo decennio tanto apprezzato dai nostri concittadini.

Crediamo – prosegue De Santis – che questo sia evidente a tutti così come è evidente il fatto che la completa paralisi amministrativa in cui il paese è caduto dovrà essere una brevissima parentesi che non potrà in alcun modo ripetersi per non arrecare ulteriori danni alla cittadinanza e ai nostri territori.

Intendiamo invece confrontarci e proporre idee e soluzioni per i temi come:

La cura e la manutenzione del decoro urbano e verde pubblico

  • La manutenzione ed il miglioramento della viabilità
  • La salvaguardia della sicurezza
  • Lo sviluppo delle attività commerciali, turistico ricettive
  • La pianificazione del territorio
  • La disoccupazione giovanile

 

Tali aspetti che così elencati possono sembrare pochi e riduttivi, si traducono in una serie di molteplici azioni ed interventi che richiederanno il massimo e costante impegno da parte di un’Amministrazione locale la quale dovrà dimostrarsi capace di rendere efficaci e propositive le nostre idee.

Il raggiungimento di tali obiettivi, difatti rappresenta il migliore dei biglietti da visita di una bella e vivibile cittadina che guarda al futuro e che voglia – conclude il presidente di Movimento 2.0 – definirsi tale”.

 

Print Friendly, PDF & Email