A Marino si celebra la settima giornata per l’Europa

0
520
Marino Palazzo Colonna
NON PUBBLICARE Marino Palazzo Colonna
Marino Palazzo Colonna
Marino Palazzo Colonna

APPUNTAMENTI – La 7a edizione della Serata Europea promossa dall’Associazione culturale marinese Per l’Europa dei Comuni, patrocinata dall’Amministrazione comunale di Marino, si svolgerà sabato 26 ottobre alle 18,00 presso il Museo Civico  Umberto Mastroianni in Piazza Matteotti, 13 a Marino con il concerto I Templari tra Storia e Leggenda a cura del Trio La Terzina composto dai Maestri Mario Alberti (flauti/percussioni), Giovanni Valle (pianoforte) e Mario Bruni (contrabbasso).

 

Introduce la giornalista Eliana Rossi.

«Accogliamo con gioia e vivo interesse l’appuntamento al Museo Civico Umberto Mastroianni che vede protagonista l’associazione Per L’Europa dei Comuni con la settima edizione della sua Serata Europea – afferma il vice sindaco Fabrizio De Santis di concerto con l’assessore alla Cultura Arianna Esposito. Un momento nel quale, utilizzando il linguaggio universale della musica grazie al prezioso contributo del maestro Mario Alberti che si esibirà insieme a Mario Bruni e Giovanni Valle, l’associazione, presieduta da Massimo Marini, racconterà una storia millenaria come quella dei Templari, i Cavalieri del Tempio. Una serata nella quale la storia si fonderà con la leggenda che da sempre avvolge l’ordine religioso cavalleresco cristiano medievale nato in Terrasanta nel 1129 a difesa dei luoghi santi e dei pellegrini che si recavano in visita a Gerusalemme nel periodo delle guerre tra forze cristiane e islamiche scoppiate dopo la prima crociata. Per la comunità un’occasione in più per essere partecipe di quella cultura che, spaziando con la musica, affonda le sue radici nella storia, nei miti e nelle leggende. La cultura della quale il nostro territorio è sempre maggiormente protagonista anche grazie ad iniziative come quella proposta dall’associazione Per l’Europa dei Comuni che ringraziamo per le sue proposte di grande spessore».

«Siamo arrivati alla 7a Serata Europea – spiega Massimo Marini presidente dell’Associazione culturale Per l’Europa dei Comuni – la cui anteprima è stata rappresentata a Roma il 18 maggio presso la sede dell’Associazione culturale Forum Terzo Millennio. Arrivare a questa settima edizione non è stato facile in quanto trattasi di un impegno piuttosto gravoso da parte dei nostri soci, considerando le esigue condizioni economiche in cui opera la nostra associazione. In questi percorsi che affrontano tematiche attuali, il nostro fine è quello di tenere un filo conduttore che sia la nostra

testimonianza per tenere vivo e forte il concetto di un’Europa dei popoli, della solidarietà e giustizia sociale e che possa dare una speranza alle future generazioni».

Il mistero che avvolge l’Ordine dei Templari, il suo Mito, le Leggende, le Fantasie e le Credenze che vi ruotano intorno, rappresentano il motore dell’infinita ricerca esistente in merito a tale fenomeno. Non è di certo un caso che il dibattito sui Templari sia sempre stato vivo e denso di curiosità all’interno della società europea. Interessante risulta l’opera compiuta dagli intellettuali che dal XVI secolo in poi scrissero sull’Ordine assegnando un nuovo e non più passivo ruolo ai “Cavalieri del Tempio”, i quali, monaci e soldati, da sprovveduti, si sarebbero di lì a poco istruiti ricchi maghi pieni di potere.

Ma perché a tutti i livelli, in Italia e all’estero, dai piccoli ai grandi centri, ad un certo punto si comincia a provare il desiderio di leggere, interrogarsi, scrivere di tali vicende? Per lo stesso motivo per cui questo fenomeno storico richiama a sé tanti appassionati, studiosi, esperti e profani, che si lasciano trasportare dalla magia di questo tempo caratterizzato in particolare dall’esistenza di quell’Ordine di cavalieri su cui tanti misteri continuano ad esistere.

Proprio per questa ragione il Trio “La Terzina ha deciso di dedicare questa manifestazione musicale/teatrale ai “Cavalieri del tempio”, così da sviscerare la simbologia esoterica dell’Ordine, facendo leva su sonorità musicali uniche, composte dal Trio stesso e dedicate ai fatti storici realmente accaduti, ma con uno sguardo al fascino misterioso che l’Ordine dei Templari ha da sempre suscitato.

Ingresso libero.

Sette anni che hanno contraddistinto l’incessante attività dell’Associazione culturale Per l’Europa dei Comuni, che ha organizzato numerose manifestazioni di cui le Serate Europee sono solo una parte del progetto “Una finestra sull’Europa”. Se ne offre di seguito un elenco:

1a Serata Europea (23 giugno 2007) – “Serata D’Autore”, incentrata sui temi europei, in occasione del “Cinquantennale della firma dei Trattati di Roma dell’Unione Europea”, svoltasi presso l’Ostello della Gioventù Il Chiostro a Marino, con il concerto a cura del Trio La Terzina.

2a Serata Europea (21 giugno 2008) – “Ciak si suona”, omaggio all’attrice Anna Magnani  in occasione del centenario della sua nascita, sono state eseguite le colonne sonore di film nazionali e internazionali a cura della Compagnia dei musici, diretta dal M° Mario Alberti.

3a Serata Europea (20 giugno 2009) – “Pro Abruzzo” , dedicata agli abitanti della città di Barete (AQ), con la partecipazione dell’Associazione culturale Agorà di Barete (AQ);

4a Serata Europea (23 ottobre 2010) – “Amleto” di Shakespeare a cura del regista Riccardo Monitillo, rappresentato al Teatro Monsignor Grassi a Marino.

5a Serata Europea (3/4 dicembre 2011) – “Fare Dire Suonare Anticoggi”, concerto di musiche barocche a cura del Trio La Terzina svoltosi al Teatro delle Ore a Marino.

6a Serata Europea (22 giugno 2012) esibizione del Coro internazionale Castelli Singers” Da Hollywood a Broadway le migliori arie cantabili da film e musical, presso l’Ostello della Gioventù Il Chiostro a Marino.

La Terzina composta dai Maestri Mario Alberti (flauti/percussioni), Mario Bruni (contrabbasso), Giovanni Valle (pianoforte), è una formazione il cui repertorio spazia

dal Medioevo ai nostri giorni. L’esperienza dei singoli componenti è vasta e variegata: dalla musica solistica/cameratistica a quella sinfonica/operistica. L’attenzione nella scelta del repertorio si focalizza di volta in volta su tutti quegli autori poco noti al grande pubblico, mettendo in relazione la loro opera con quella di artisti coevi e più famosi. In quest’ottica di studio capillare i musicisti si propongono di arricchire il proprio repertorio con composizioni originali, scritte appositamente da autori contemporanei e/o dai componenti del complesso stesso.

Marino, 17 ottobre 2013

Print Friendly, PDF & Email