A Marino si parla di inclusione sociale e lavorativa

0
2103
remo_pisani
Remo Pisani
remo_pisani
Remo Pisani

Sarà l’assessore alle Politiche Sociali Remo Pisani a rappresentare l’Amministrazione comunale il 6 marzo prossimo quando, nell’Aula Consiliare di Palazzo Colonna (ore 17) verrà presentato il libro «Inclusione Sociale e Lavorativa in Salute Mentale».

Presente il coautore del testo, dottor Marco D’Alema, direttore Dipartimento Salute Mentale Distretto H3 che illustrerà i contenuti del volume insieme al dottor Bruno Pinkus, responsabile clinico Comunità Gnosis oltre che autore di un capitolo del libro.

All’evento prenderanno parte il direttore DSM ASL RM H Donato Leccisi con i responsabili di Consulta Handicap Comune di Marino, Consulta Salute Mentale DSM Asl RM H, Associazioni territoriali e realtà del Terzo Settore.

Significativa la presenza del dottor Angelo Fioritti, direttore del DSM di Bologna che, per primo, ha introdotto in Italia e sperimentato l’innovativa tecnologia «Individual Pacement and Support», strategia EBM per l’inclusione lavorativa del paziente con grave patologia mentale (schizofrenia e disturbi bipolari in primis) i cui dettagli sono contenuti all’interno del libro in presentazione.

L’evento sarà preceduto da un convegno ospitato a Palazzo Colonna nei giorni 6 e 7 marzo (inizio ore 8) relativo proprio alla metodologia IPS e al tema della Recovery. E’ riservato agli operatori del Dipartimento di Salute Mentale della Asl Rm H. Tra le finalità del percorso formativo, patrocinato dal Comune di Marino insieme all’evento di presentazione del libro, quella di avviare nel territorio della Asl Rm H la pratica di tale metodologia dopo una sperimentazione già realizzata nel 2013 in alcuni Distretti.

«Il metodo IPS, del quale si parlerà nei due giorni di convegno e nel libro che andremo a presentare giovedì 6 marzo – spiega l’assessore Pisani – è una tecnica nuova che, superando la classica mentalità assistenziale, permette alla persona, non considerata più come paziente, di vivere in pieno l’inclusione sociale, con provati benefici per il suo equilibrio mentale riscontrabili anche nel contesto familiare e sociale. Come anticipato dal dottor Fioritti che lo ha già positivamente sperimentato nel territorio dell’Emilia Romagna – va avanti l’assessore – è importante, ai fini di un percorso di assistenza e cura finalizzato a risultati più immediati, l’assunzione di responsabilità lavorative da parte della persona inclusa nel programma IPS che, in virtù delle gratificazioni economiche derivanti da un rapporto di lavoro competitivo nel libero mercato, fa grandi passi avanti in contesto autostima, autonomia personale e stabilizzazione. Un valore aggiunto per i desideri e le ambizioni della persona che – sottolinea – va ad incidere anche sui costi sociali».

«Accogliamo con grande interesse – afferma il vice sindaco Fabrizio De Santis – i due importanti appuntamenti con i professionisti della Asl Rm H, che ringraziamo per aver scelto Marino quale luogo di diffusione primaria territoriale di un programma concettualmente rivoluzionario in tema di inclusione lavorativa per pazienti con gravi patologie mentali. Un progetto, già positivamente testato in altri Paesi e, in Italia per primo in Emilia Romagna con il dottor Fioritti che, per le sue caratteristiche di immediatezza e concretezza, auspico vada al più presto ad investire l’intero comprensorio della Asl Rm H. A testimonianza di come concetti quali apertura e innovazione, formazione e crescita, siano sempre più di pertinenza della nostra realtà».

Print Friendly, PDF & Email