Matteo Zitelli sportivo dell’anno a Monte Porzio Catone

0
2227
Matteo Zitelli premiazione
Matteo Zitelli premiato sportivo dell'anno di Monte Porzio Catone
Matteo Zitelli premiazione
Matteo Zitelli premiato sportivo dell’anno di Monte Porzio Catone

Lo scorso 16 maggio, nella palestra dell’Istituto scolastico di via Costagrande, il sindaco Luciano Gori, accompagnato dall’assessore alla Pubblica Istruzione, il vicesindaco Massimo Pulcini, e dal consigliere Alberto Torregiani, ha premiato l’atleta Matteo Zitelli, giocatore delle Fiamme Oro Rugby, squadra che milita nel campionato di Top Ten, come miglior rappresentante dello sport per la città di Monte Porzio Catone. Alla premiazione erano presenti il maresciallo dell’Arma dei Carabinieri Paolo Seu e il maresciallo della Polizia Locale Laganà Mauro. Hanno fatto gli onori di casa la preside dell’Istituto Comprensivo “Don Milani”, professoressa Fabiola Tota, e la vicepreside, professoressa Giuditta Iantaffi.

Nella palestra sono stati raccolti tutti gli studenti delle medie, per i ragazzi delle seconde e delle terze è stata anche la giornata di premiazione per i giochi di primavera, per loro molte medaglie a ricordo della giornata di sport svoltasi allo stadio 8 settembre di Frascati lo scorso 13 maggio. Tra i molti professori, che hanno accompagnato gli studenti, un ruolo speciale è stato svolto dal professor Andrea Zito, che in qualità di professore di educazione fisica ha avuto una centralità rilevante sia in merito al motivo dell’incontro che al luogo.

Il sindaco Gori nel premiare l’atleta Zitelli ha sottolineato ai ragazzi l’importanza dell’impegno e della costanza nel lavoro per il raggiungimento dei propri obbiettivi. Matteo salutando i ragazzi, che lo applaudivano, ha ironizzato sul suo percorso scolastico, sostenendo di non essere da esempio per gli studiosi. A questo punto ha preso la parola il professor Zito osservando che anche lo sport richiede il suo impegno, ed ha ricordato di quando consigliò alla famiglia Zitelli di lasciare che il ragazzo, ancora giovanissimo, andasse a Parma per intraprendere il suo percorso rugbistico. Dopo tre anni a Parma ed uno ad Alghero è approdato alla fine alle Fiamme Oro Rugby, oggi può ritenersi un professionista che ha trasformato la sua passione in lavoro, ha alle spalle una lunga militanza nelle Nazionali Giovanili e anche una presenza nella Nazionale di Rugby a 7.

Di solito un addetto stampa si limita a fare il resoconto obiettivo dei dati amministrativi, concedete cari lettori un’eccezione al vostro scrivano e passatemi questo personale ricordo dell’atleta Zitelli con il quale ho avuto il piacere di condividere la maglia in una sua breve parentesi frascatana. Retrocesso dalla serie A il Frascati si trovava a disputare un campionato di serie B, molti atleti stranieri, su cui aveva fatto affidamento negli anni precedenti, avevano preso il largo. Provvidenziali, per lo svolgimento di un buon campionato, furono i nuovi arrivi e tra essi spiccava il giovanissimo Matteo Zitelli, un flanker appena uscito dalle giovanili, molto agile e determinato nei placcaggi, sempre presente in sostegno al portatore della palla, apprezzabile per qualità tecniche e atletiche non mancava di qualità umane. In occasione della partita di campionato contro le Fiamme Oro Rugby (anche loro in serie B in quella stagione) venne premiato proprio dai responsabili della squadra della polizia, che giocava in casa, come miglior giocatore in campo. Così alla gioia della vittoria aggiunse la soddisfazione della premiazione personale ed oggi proprio in quella squadra si trova a disputare il campionato di massima serie. Ma in tutto il suo percorso, come nelle poche parole che ha rivolto ai ragazzi in palestra, la caratteristica più evidente è stata l’umiltà. La professoressa Iantaffi ha ricordato che: «a scuola non si sentiva mai all’altezza, si sottovalutava e non credeva in se stesso» e Matteo ai ragazzi ha voluto sottolineare di non essere un esempio scolastico; ma credo che tutto questo faccia parte dell’umiltà, di chi si impegna, lavora e fatica credendo di svolgere solo il proprio dovere anche quando un’intera città lo abbraccia e lo festeggia come miglior rappresentante dello sport. Per festeggiare Matteo un gruppo di ragazzi ha anche preparato una canzone rap, ed è stata una bella sorpresa sentirla interpretare in palestra. Complimenti Matteo, la città di Monte Porzio Catone e il suo scrivano ti augurano di raggiungere i più alti traguardi sportivi.

Print Friendly, PDF & Email