Michele Patrizi (Grottaferrata Furlani), “Se giochiamo tranquilli…”

0
641
patrizi
Michele Patrizi
patrizi
Michele Patrizi

Il Grottaferrata calcio Stefano Furlani scoppia di salute. La squadra di mister Davide Vicale ha regalato un’altra splendida prestazione ai suoi tifosi: nelle ultime tre gare casalinghe il gruppo arancionero ha realizzato la bellezza di 14 reti. A farne le spese ieri (domenica 29 gennaio ndr) è stato l’Airone Ardea, una squadra che annovera giocatori di ottimo livello nel proprio organico: il Grottaferrata calcio Stefano Furlani si è imposto con un netto 4-0 maturato tutto nel secondo tempo. Oltre al tris di uno scatenato Luca Chiappelloni, a completare il tabellino è stato Michele Patrizi, al suo secondo gol consecutivo (il terzo complessivo in campionato). «Non è stata per niente una gara semplice – spiega l’attaccante esterno classe 1990 – L’Airone è indubbiamente un’ottima squadra e nel primo tempo lo ha fatto vedere, poi è arrivata l’espulsione di un giocatore ospite e quello è stato un episodio importante per il match. Nella ripresa siamo scesi in campo tranquilli e con la testa giusta: quando succede così possiamo davvero giocarcela con tutti. Il Grottaferrata calcio Stefano Furlani esprime un ottimo gioco palla a terra quando è nelle giornate giuste e anche contro l’Airone abbiamo fatto una bella prestazione». La classifica del girone G è davvero particolare: la squadra criptense è decima, ma ad appena cinque punti dalla Virtus Divino Amore quarta (e dunque in zona Coppa Lazio). «La sfida con l’Airone era importante per capire se potevamo rimanere incollati alle zone di alta classifica. Poi c’è sempre l’impegno dei quarti di finale di Coppa dove ci aspetterà il prestigioso incrocio col Sora». Patrizi, che faceva parte del gruppo che ha vinto il campionato di Seconda categoria della passata stagione, è già concentrato sul prossimo delicato match sul campo della Fortitudo Velletri. «Sono ultimi in classifica, ma queste sono le gare più delicate per noi. Abbiamo già dimostrato di saper rendere al meglio con le formazioni di alta classifica, mentre in gare dove l’avversario la mette sul piano agonistico facciamo più fatica. Domenica sarà una bella prova da superare» conclude l’attaccante.

Print Friendly, PDF & Email