Monte Compatri, De Carolis il più presente alle riunioni di giunta

0
827
marco_de_carolis
Marco De Carolis
Marco De Carolis
Marco De Carolis Sindaco Monte Compatri

Centonovantasette riunioni di giunta in quattro anni. Il più presente risulta il sindaco Marco De Carolis: solo una volta assente. Ultimo l’ex vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Quaranta. Soltanto in 122 occasioni si è seduto al tavolo dell’assise di governo a Palazzo Borghese, convocato – in media – ogni 7 giorni. Sono questi i dati che emergono dalla lettura dei grafici sul tasso di frequenza, elaborato dal sistema informatico Halley, per il Comune di Monte Compatri.

Cucchiaio di legno, come per l’ultimo posto nel Sei Nazioni di rugby, per Quaranta. L’ex numero due di De Carolis fa segnare 75 assenze in 48 mesi. Tradotto: mancate presenze per circa 17,5 mesi.

Secondo, in questa speciale classifica, l’assessore all’Ambiente Claudio Gara, con 187 alzate di mano nel consueto incontro del giovedì. Sul podio, ma staccato di una lunghezza, il titolare dell’Urbanistica Fabio D’Acuti. Segue il responsabile del Bilancio, Mauro Ansovini: con 56 presenze in più di Quaranta.

“Sono cifre – spiega il sindaco Marco De Carolis – che dimostrano come in più di un’occasione l’ex assessore abbia preferito evitare il confronto, puntando su manifesti e comunicati stampa. Senza discutere con la maggioranza di governo in cui è stato eletto. Non bastano, per questo, le scuse del portavoce del suo movimento, che parla di assenze giustificate nell’ultimo mese: se così fosse, parleremmo di 4 mancate presenze. Invece, i numeri certificano il contrario. Senza dimenticare la folle pretesa di farsi rappresentare in giunta dall’addetto alla comunicazione della sua associazione” conclude De Carolis.

Torna sull’argomento il sindaco De Carolis, riceviamo e pubblichiamo la nota del Primo Cittadino compatrese:

“La verità è confermata dai dati. Che dimostrano presenze e assenze nella mia giunta. Continuare a non vedere i fatti reali significa non riconoscere i propri errori. Il tentativo di ‘contestualizzare’ i numeri dà evidenza della difficoltà di chi non ha argomenti. E non ha giustificazioni per aver latitato per 17 mesi. Non si capisce per quale motivo ci si autosospenda dal partecipare alle riunioni, per diversi tempo, senza lavorare né tantomeno rinunciare alle indennità. Che, nello specifico, l’ex assessore Claudio Quaranta ha continuato a percepire fino ad aprile scorso”, lo dichiara in una nota il sindaco di Monte Compatri, Marco De Carolis.

“I confronti, lo ripeto da mesi, – continua De Carolis – vanno fatti nelle sedi appropriate: per un assessore e vice primo cittadino quel luogo è la giunta. Assise che, ricordo, è di esclusiva competenza degli assessori. Per questo il signor Massimo Samà fu invitato ad accomodarsi fuori da Palazzo Borghese nel corso di uno degli incontri”.

“Quella cui fa riferimento il responsabile comunicazione di Alba Nuova – conclude il sindaco di Monte Compatri – era una riunione di maggioranza allargata: un tavolo di confronto, aperto ai consiglieri e ai gruppi politici che sostengono la mia amministrazione. Infine, tirare in ballo l’addetto stampa dà il senso del non spessore politico di chi nasconde le sue colpe e le sue mancanze: come il non presentarsi alle giunte del giovedì. Noi siamo qui per governare Monte Compatri, non per giocare. E’ un lusso che noi non possiamo concederci”.

Print Friendly, PDF & Email