Monte Compatri, presa di posizione del Pd sulle spese telefoniche comunali

0
970
serenagara
Serena Gara
serenagara
Serena Gara

“Amministrazione De Carolis e le sue menzogne – chiaro il titolo del comunicato del Pd di Monte Compatri con cui il Partito democratico compatrese esprime la sua posizione sul caso delle spese telefoniche comunali.

Prendiamo atto che l’amministrazione De Carolis quando non sa più cosa rispondere cerca di cambiare le carte in tavola. Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Come Partito Democratico di Monte Compatri desideriamo puntualizzare quanto segue.

Ad ottobre 2015 il consigliere Serena Gara richiede l’accesso agli atti per avere tutta la documentazione su smartphones e fatture. Si evince chiaramente che il Comune di Monte Compatri (ovvero la Comunità, visto che parliamo di soldi pubblici) sta pagando ben 20 smartphones (+1 concesso gratuitamente) di ultima generazione agli assessori e consiglieri e anche ad alcuni dipendenti e/o dirigenti comunali.

“Scoperta in flagrante, l’amministrazione De Carolis sbandiera su tutti i social network che “i telefonini sono stati pagati dagli assessori e dai consiglieri anticipatamente – spiega il segretario comunale del Pd Fausto Bassani. Noi ci chiediamo: saldati anticipatamente a cosa, se nelle fatture i costi dei telefonini si trovano imputati al Comune di Monte Compatri? E il Comune come fa a rateizzare l’acquisto di telefonini privati tramite l’Ente? Perché si utilizza un Ente pubblico per acquistare i telefoni privati? Perché gli smartphones non sono stati acquistati individualmente?”

Il sindaco afferma in seguito che “i pagamenti di assessori e consiglieri non sono dei rimborsi ma anticipi”. Lupus in fabula: proprio quanto asserito dal Sindaco dimostra che è il Comune di Monte Compatri ad acquistare i telefoni per la cerchia politica di centro destra. Ci sorge un’ulteriore domanda: se i 21 smartphones vengono forniti per motivi di servizio, perché i relativi numeri non compaiono nella lista dei contatti comunali reperibili che quotidianamente vengono postati sul profilo Facebook comunale di Monte Compatri?

Il contratto stipulato risale a Giugno 2015 e i telefoni sono stati pagati in parte (non da tutti. Ognuno ha versato la somma che voleva senza un criterio o un atto di indirizzo a monte). È interessante capire quando sono avvenuti questi pagamenti. I primi bonifici arrivano nella tesoreria comunale immediatamente dopo la denuncia da parte del Pd di Monte Compatri. Se il consigliere Gara non avesse chiesto l’accesso agli atti e se il Pd non avesse affisso manifesti, la Comunità di Monte Compatri avrebbe continuato a pagare nell’ombra benefits ai politici che amministrano (?) Monte Compatri.

Non è finita qui. Al fine di svicolare tematiche ed opinioni, l’amministrazione De Carolis firma un comunicato dove asserisce di “aver ripianato i debiti degli altri, fatture non pagate oltre 40 mila Euro, che abbiamo potuto rimodulare solo nel 2009”.

“Mi sorge spontanea una domanda – conclude il consigliere Pd Serena Gara – L’attuale amministrazione governa dal 2007. Nel 2009, secondo quanto veicolato, rimodulano il tutto e lo sbandierano ai quattro venti. Perché soltanto ora? Dal 2009 al 2015 ne sono passati di anni.Dimostrateci con carte alla mano quali sono i conti in rosso che avete ripianato, ma spiegateci anche perché se ci sono 40 mila euro di fatture mai pagate, quest’ultime non sono state mai riportate come “debiti fuori bilancio”, come prevede la norma. Da quando sono consigliere comunale non è mai stato presentato in Consiglio comunale un debito fuori bilancio per mancato pagamento di 40 mila Euro per spese telefoniche: forse perché non esiste? E perché Telecom non ha mai staccato la linea al Comune di Monte Compatri per morosità?”

La notizia più importante di questi giorni, come si apprende dal gruppo Facebook “Alba nuova per Monte Compatri” con tanto di lettera protocollata in Comune, è che il vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici di Monte Compatri, Claudio Quaranta, ha appena restituito lo smartphone gentilmente concessogli dal Comune. Un segno inconfutabile di quanto la battaglia mossa dal Pd di Monte Compatri sulle spese folli dell’amministrazione De Carolis sia veritiera ed attuale più che mai”.

lettera_riconsegna_cellulare_assessore_quaranta
Lettera della riconsegna del telefonino da parte dell’Assessore Quaranta

Insomma anche su questa tema continua il duello rusticano che l’Amministrazione De Carolis e il Pd compatrese. Meta Magazine continuerà a seguire le vicende politiche di Monte Compatri dando spazio a tutti coloro che vorranno intervenire su questo argomento specifico e non.

Print Friendly, PDF & Email