Olimpia Troili parla del suo progetto “Un sindaco per l’Europa”

0
1274
Olimpia Troili
Olimpia Troili, Presidente di Alternativa Europea

Mercoledì 19 febbraio prossimo, alle ore 10.30, il palazzo del Rettorato della Sapienza di Roma ospiterà la conferenza “Un sindaco per l’Europa” promossa dall’Associazione Alternativa Europea in collaborazione con la sezione romana di Gioventù Federalista Europea. Lo scopo dell’iniziativa è quello di presentare i candidati alla carica di Presidente della Commissione Europea proposti dai maggiori partiti europei in vista delle elezioni di maggio. Nella prossima primavera, infatti, in occasione delle consultazioni elettorali per il rinnovo dell’Europarlamento, i partiti politici degli stati membri, come da raccomandazione della Commissione Europea, avranno la possibilità di indicare il loro candidato alla Presidenza della Commissione stessa prima del voto. L’Associazione Alternativa Europea, accogliendo queste indicazioni, ha avviato una campagna di sensibilizzazione, “Un sindaco per l’Europa” appunto, rivolta ai gruppi politici europei e all’opinione pubblica, che ha preso il via l’11 novembre 2013. All’appuntamento del 19 febbraio prossimo, interverranno relatori in rappresentanza delle principali famiglie politiche europee che analizzeranno le dinamiche che hanno portato alle candidature e al sostegno dei movimento nazionali che si sono raccolti intorno ai candidati in tutta Europa. Durante il dibattito, introdotto da Giovanni Basini (Alternativa Europea) e moderato da Paolo Acunzo (Movimento Federalista), prenderanno la parola: l’On. Massimiliano Smeriglio (Vice Presidente della Regione Lazio), l’On. Sandro Gozi (Vice Presidente dell’Assemblea del Consiglio d’Europa), l’On. Riccardo Migliori (Presidente Assemblea Parlamentare dell’OSCE), l’On. Niccolò Rinaldi (Europarlamentare, Vice Presidente ALDE), Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde e docente universitario), Olimpia Troili (Presidente Alternativa Europea) e Tommaso Visone (Movimento Federalista Europeo), presente anche l’On. Michele Baldi (Capogruppo Lista Civica Zingaretti), in rappresentanza del Consiglio Regionale.
Questo appello, lanciato da Alternativa Europea, ha ottenuto finora riscontri estremamente positivi. Fondatrice e Presidente dell’Associazione è Olimpia Troili che ci ha rilasciato un’intervista dove ci racconta qualcosa in più sul progetto “Un Sindaco per l’Europa”.

Presidente, di cosa tratta in sintesi la proposta Un Sindaco per l’ Europa?
La proposta si basa su di una raccomandazione della Commissione Europea che, insieme al Parlamento Europeo, ha chiesto ai partiti politici di ciascuno stato membro di proporre un proprio candidato alla presidenza della Commissione. E’ un modo per avvicinare i cittadini alle personalità che saranno chiamate a competere per questo importante incarico e per rendere più chiari i programmi e gli orientamenti politici dei partiti al livello europeo. Abbiamo utilizzato la parola “sindaco” per dare l’idea di un rapporto diretto, i partiti potranno candidare un presidente ma il rapporto rimarrà sempre e comunque mediato. Certamente è già un piccolo passo avanti, noi vorremmo fare molto di più ma i trattati per ora ci consentono solo questo.

Cosa può significare l’Europa per i giovani e più in generale per il nostro paese?
Oggi possiamo prendere consapevolezza che l’Europa è vicina, molto più vicina di quello che pensiamo. Grazie all’UE abbiamo acquisito molti diritti e non dobbiamo dimenticarci di questo, ma il problema è la scarsa percezione che abbiamo del progetto europeo, che va promosso e non ostacolato. Con la nostra proposta vogliamo informare i cittadini circa la nuova legge elettorale europea, così come modificata dai trattati e dalla conferenza di Lisbona. Queste novità dovrebbero divenire punti chiave della prossima campagna elettorale, tassello di un percorso che deve essere capace di portare i cittadini europei a sentirsi parte di un’unica collettività.

L’Europa è quindi un simbolo di opportunità, crede che i giovani oggi abbiano abbastanza fiducia nel progetto europeo o l’UE rimane per loro sinonimo di austerity e sacrificio?
I giovani oggi devono prendere coscienza del loro futuro e di quello del mondo politico. In uno scenario sempre più globalizzato e competitivo l’Unione Europea è l’unico orizzonte verso il quale possiamo guardare per mantenere adeguati livelli di prosperità. E’ un’opportunità per tutti, soprattutto per i giovani che devono avere fiducia e non guardare all’Europa solo come causa di sacrificio per il nostro paese. Quello che conta è che sappiano e conoscano il progetto europeo, i trattati e le opportunità che tutto questo gli offre. Il fatto che dall’inizio di questa campagna di sensibilizzazione siano stati proposti già tre candidati, dai tre principali partiti politici, è estremamente significativo perché va nell’indirizzo di una maggiore democratizzazione e partecipazione all’elezione di una delle figure più importanti delle istituzioni europee. I cittadini ed i giovani devono essere informati sulla realtà europea, per questo noi vogliamo coinvolgerli. Speriamo vivamente che il Consiglio Europeo tenga conto delle indicazioni dei partiti e dell’attenzione che l’opinione pubblica gli ha rivolto.
Mercoledi 19 Febbraio sarete all’Università La Sapienza di Roma, ci saranno in futuro altri appuntamenti?
Dopo la tappa di mercoledi vorremmo portare il progetto in almeno un altro ateneo romano, per ora non ci sono altre date ma l’intenzione è di non fermarci qui. Quello che maggiormente ci interessa è che i cittadini ricevano un’adeguata informazione e che l’attenzione rimanga alta fino alle elezioni di maggio.

Print Friendly, PDF & Email