Rosaria Del Buono candidata alle primarie del Pd a Pomezia

0
1117

 

Rosaria Del Buono
Rosaria Del Buono candidata sindaco alla Primarie del Pd

“Ho deciso di candidarmi perché, così come fatto da Zingaretti alla Regione Lazio, credo che solo un cambiamento profondo della classe politica possa consentire alla nostra città di trovare energie fresche e idee nuove”. A dirlo durante la conferenza stampa di presentazione della sua candidatura è Rosaria Del Buono, che ha scelto di correre in vista delle primarie di coalizione che si terranno il 14 aprile prossimo a Pomezia.

“Bisogna recuperare temi fondamentali per il centro-sinistra – prosegue la candidata – quali etica, legalità, morale, partecipazione, trasparenza. Per questo motivo ho chiesto che potessero votare, così come sta avvenendo a Roma, anche i ragazzi che hanno compiuto 16 anni. Questa richiesta è stata respinta, ma la commissione studierà la possibilità di far votare i minorenni che compiranno 18 anni prima delle Amministrative. Ho anche chiesto di verificare che nessuno dei candidati alle Primarie abbia condanne, rinvii a giudizio o avvisi di garanzia. Cosa questa che esigerò, nel caso i cittadini mi scegliessero quale candidata Sindaco della coalizione, per tutti i candidati che mi sosterranno. Infine ho anche chiesto l’effettiva esistenza e registrazione delle liste civiche che sosterranno candidati alle Primarie o che si presenteranno nella coalizione. Questo perché tutti i cittadini devono sapere chi c’è nel centro-sinistra e chi lo sostiene, con nomi e cognomi”.

“La mia candidatura nasce in continuità con l’esperienza fatta come amministratrice. Esperienza – dice la Del Buono – che mi ha dato la possibilità di capire quali e quante cose si possono fare per migliorare la nostra città, quali sono i motivi per i quali tante cose non si sono fatte e soprattutto ho ben chiare le modalità con cui affrontare e risolvere i nostri problemi più grandi”.

“Per affrontare le tante questioni che si presenteranno la mia – conclude Rosaria Del Buono – sarà una modalità di lavorare basata sulla partecipazione. Questo è il solo strumento che conosco nel fare politica e che ho adottato anche nel breve periodo nel quale, nominata dal Partito Democratico, ho ricoperto il ruolo di Assessore alle Politiche Sociali, Pubblica Istruzione, Cultura, Sport. Da Sindaco, un mio impegno preciso, sarà quello di informare e coinvolgere costantemente i cittadini attraverso incontri, forum pubblici e tavole rotonde che sappiano ascoltare i suggerimenti e le segnalazioni di chi la città la vive”.

 

Print Friendly, PDF & Email