Piani per l’abbattimento delle barriere architettoniche nei Comuni

0
1063
mib
Movimento Italiani Disabili
mib
Movimento Italiani Disabili

Inizia oggi uno spazio interattivo tra i nostri lettori ed il Movimento Italiani Disabili. Inviate le vostre domande o curiosità, le vostre storie e le vostre “denunce” all’indirizzo mail: meta.redazione@gmail.com. Vi sarà risposto dalle pagine di Meta Magazine.

Ho letto che esistono dall’Unione Europea dei Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche: posso saperne di più?

“I P.E.B.A. o Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (art. 32 della legge 41/86 e art. 24 comma 9 della legge 104/92) sono uno strumento che ha la finalità di conoscenza delle situazioni di impedimento, rischio ed ostacolo per la fruizione di edifici e spazi pubblici. Questi piani rappresentano il punto di partenza per la redazione di Piani Pluriennali di Abbattimento delle barriere architettoniche.

Possiamo definire il peba come uno strumento progettuale, necessario ad avviare procedure coordinate, per eseguire gli interventi di “attenuazione” dei conflitti uomo-ambiente. È quindi il preludio, la base, sulla quale iniziare tutte quelle azioni di “design urbano” che mirano ad interventi più o meno dedicati. Il P.E.B.A. ha come obbiettivo generale, quello di produrre conoscenza al fine di poter iniziare concretamente le azioni di progettazione in grado di mirare all’innalzamento della qualità della rete di servizi, tempi e occasioni fornite dalla città, partendo dalle necessità di chi maggiormente richiede attenzioni, per giungere a definire risposte, capaci di garantire il quadro associante a cui mira una città solidale e quindi accessibile. Secondo questa visione, il piano è così strumento, trasversale, di analisi e verifica, necessario per alfabetizzare, utenti e gestori della città ad una cultura dell’accessibilità. In definitiva il peba è un punto di partenza da cui si potrebbe ricomnciare a disegnare una città senza barriere per tutti, dalle infrastrutture ai trasporti, agli uffici comunali, tutto quello che concerne il vivere senza barriere”.

Print Friendly