Proietti (Albalonga calcio Juniores), “Le finali nazionali? Ce la giochiamo”

0
658
junioresalbalonga
Juniores Albalonga
junioresalbalonga
Juniores Albalonga

Non solo la finale della Coppa Italia di serie D con gli azzurri di mister Roberto Chiappara che saranno impegnati con l’appuntamento storico di Firenze contro il Chieri. Sabato 20 maggio sarà un giorno dalle grandi emozioni per l’Albalonga perché inizierà anche l’avventura della Juniores nella fase nazionale del campionato di competenza. Il “pass” è stato ottenuto sabato scorso grazie al successo di Pavona contro l’Anzio per 2-0 nell’ultimo atto “regionale” dei play off: decisive le reti di Trincia e Di Felice. «Abbiamo sempre tenuto sotto controllo la partita, anche durante un primo tempo chiuso sullo 0-0 – sottolinea il capitano della Juniores nazionale azzurra Cristiano Proietti – L’Anzio ha atteso qualche nostro errore che, però, non è arrivato: nel secondo tempo siamo riusciti a sbloccarla e a quel punto la gara è andata in discesa». Ora arriverà la fase nazionale per i ragazzi di mister Alessandro Di Nunno. «Credo che ce la possiamo giocare con tutti – dice capitan Proietti – Proveremo a superare il girone della prima fase per poi dare il massimo negli incontri ad eliminazione diretta: vedremo cosa riusciremo ad ottenere». Il centrocampista centrale classe 1999 è stato convocato assieme ai compagni di squadra Trincia e Fiasca con la Rappresentativa del girone G che giocherà la “Juniores Cup” a Viareggio in questa settimana. «Una convocazione che mi ha fatto indubbiamente piacere, sarà bello affrontare questa esperienza assieme a due miei compagni di squadra» spiega Proietti che poi esprime il suo “sogno nel cassetto” per ciò che concerne l’avventura con l’Albalonga. «Non ho ancora esordito con la serie D e mi piacerebbe molto nella prossima stagione riuscire ad avere questa possibilità. Al di là di una parentesi con Savio e Cecchina, sono cresciuto calcisticamente nell’Albalonga e da quattro anni sono tornato in questo club quindi sono molto legato a questo ambiente» conclude il capitano della Juniores nazionale.

Print Friendly, PDF & Email