Alla Regione Lazio si presenta progetto Social Car

Al progetto Social Car ha partecipato anche Astra Spa e Astral Infomobilità raccogliendo i dati di sperimentazione per lo sviluppo della piattaforma integrata di servizi agli utenti

0
449
alessandri
Mauro Alessandri Assessore ai Trasporti e Infrastrutture della Regione Lazio

Sviluppare una nuova App-Piattaforma di comunicazione per la mobilità intelligente che preveda l’integrazione delle informazioni relative al car-pooling, ai mezzi di trasporto pubblico regionale e locale e altri sistemi di mobilità (car-sharing, bike-sharing e scooter-sharing tradizionali ed elettrici). E’ l’obiettivo del progetto “SocialCar – Open social transport network for urban approach to carpooling” finanziato dal Programma HORIZON 2020. La piattaforma integrata sarà alimentata anche dall’utilizzo diretto dei social-media da parte degli utenti e dei cittadini. Oggi alla Regione Lazio si è svolto il Consultation Group Meeting in cui sono stati presentati i risultati della fase di sperimentazione dell’applicazione. Dopo i saluti istituzionali dell’Assessore alle Infrastrutture, Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Trasporti e Piccoli Comuni Mauro Alessandri, sono intervenuti i rappresentanti di amministrazioni pubbliche che si sono rese disponibili a effettuare una sperimentazione pratica dell’applicazione SocialCar: Luca Andreassi per il comune di Albano Laziale e Umberto Zeppa per il Comune di Colleferro; poi è stata presentata la versione finale dei softwares, degli algoritmi e del travel planner elaborati, analizzate le modalità di utilizzazione degli stessi e illustrata la RoadMap to Market individuata dalla Regione Lazio. Ha partecipato anche Astral Infomobilità che, nell’ambito del progetto, si è occupata della raccolta dei dati statici e in tempo reale del trasporto pubblico locale e regionale (bus, tram, metro, treni) e della raccolta dei dati in tempo reale. Astral Infomobilità ha svolto anche, per conto della Regione Lazio, la pianificazione delle attività di testing e sperimentazione diretta dell’app, l’individuazione dei flussi di comunicazione, la definizione e raccolta dei questionari elaborati da altri stakeholders pubblici e privati del territorio laziale e dagli utilizzatori finali con elaborazione dei relativi report conclusivi. Presentato il prototipo, da questo momento in poi inizia la fase di sviluppo dell’applicazione per arrivare all’utilizzazione pratica.

Print Friendly, PDF & Email