Rocca Priora approvato progetto ecocentro

0
590
consiglioroccapriora
Consiglio Comunale Rocca Priora
consiglioroccapriora
Consiglio Comunale Rocca Priora

Nel Consiglio comunale di Mercoledì 27 Aprile è stato approvato all’unanimità il progetto definitivo del centro di raccolta comunale di Rocca Priora situato in località La Beccaccia.

La Conferenza dei Servizi si è conclusa con l’ottenimento di tutti i pareri degli enti preposti, consentendo, di fatto, la realizzabilità del progetto.

“L’approvazione del progetto ci consente di adottare una variante puntuale, necessaria alla realizzazione dei lavori – ha sottolineato in Consiglio l’Assessore ai lavori pubblici di Rocca Priora, Claudio Fatelli. – Questa è una soluzione che va verso la direzione non solo di una riqualificazione dell’intera area dove l’ecocentro è collocato, ma consente anche un potenziamento dei servizi di raccolta differenziata”. Nel nuovo centro di raccolta, quindi, i cittadini potranno portare gratuitamente tutti i rifiuti (ingombranti, rifiuti elettrici ed elettronici, sfalci da potature, etc) che verranno poi immessi nella filiera del recupero. “Un risultato importante per la nostra Comunità che darà un nuovo impulso alla raccolta differenziata – ha aggiunto l’Assessore alle politiche ambientali di Rocca Priora, Anna Gentili. – Non solo miglioramento dei servizi ma possiamo prevedere anche sgravi significativi sulla bollettazione. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i cittadini di Rocca Priora che hanno dimostrato grande sensibilità sulla tematica relativa alla raccolta differenziata. Permangono ancora alcune criticità che stiamo affrontando in maniera capillare attraverso un’azione sanzionatoria nei confronti di coloro che ancora si ostinano a non differenziare i rifiuti”. “L’unanimità del Consiglio comunale al progetto definitivo del centro di raccolta dimostra quanto fosse impellente il voto su questo atto – ha concluso David De Righi, capogruppo della maggioranza consiliare di Rocca Priora. – Con l’ecocentro siamo convinti che diminuirà gradualmente l’abbandono di rifiuti in strada o nell’ambiente potenzialmente dannosi”.

Print Friendly, PDF & Email