Rocca Priora Calcio, vittoria di rimonta contro La Rustica

0
1060
marcello_belli
Marcello Belli, mister del Rocca Priora calcio
marcello_belli
Marcello Belli, mister del Rocca Priora calcio

Nonostante il tempo incerto, è stata una domenica di sole per la Promozione del Rocca Priora. La squadra affidata da un paio di mesi a mister Marcello Belli (tecnico pure della brillantissima Juniores Primavera che è prima in classifica) ha finalmente centrato un successo che la fa smuovere da quota 14: la doppietta del bomber Turchetta ha permesso ai ragazzi del patron Amelia di piegare il La Rustica per 2-1. «Ho notato già prima della gara che i ragazzi avevano una grande voglia di vincere – dice Belli – e questa voglia l’hanno messa in campo. I gol sono arrivati nel secondo tempo: siamo andati sotto attorno al 20’, ma non ci siamo mai persi d’animo e nel giro di cinque minuti abbiamo trovato l’1-1 con uno spettacolare gol di tacco “alla Mancini” da parte di Turchetta. Subito dopo abbiamo colpito un palo con Pilone, uno dei tre ragazzi classe 1996 in campo (oltre al portiere Longo classe 1994, ndr), e attorno al 35’ abbiamo segnato il gol della vittoria ancora con Turchetta che ha sfruttato l’assist di Halauca». E’ il primo successo della sua gestione, ma il Rocca Priora avrebbe meritato di più in altre occasioni. «Siamo stati condizionati da tutta una serie di errori, sia nostri che dal punto di vista arbitrale – dice Belli –. In altre gare ce la siamo giocata alla pari e avremmo meritato i tre punti che non sono arrivati solo per episodi». La domenica è stata “macchiata” dai successi esterni delle concorrenti dirette del Rocca Priora, che rimane penultimo. «Le vittorie di Morena (terzultima, ndr) e Valmontone (ultima, ndr)? Ci possono stare, ma noi abbiamo un imperativo da qui alla fine della stagione: guardare solo in casa nostra e cercare di fare più punti possibili». Concetto ribadito dal tecnico nel presenta re il delicato match di domenica prossima a Torrenova. «Sono una buona squadra, ma ripeto: dobbiamo pensare solo a noi stessi, rispettando l’avversario, ma affrontando sia la prima in classifica che l’ultima alla stessa maniera. Io e il gruppo crediamo fortemente di poter conquistare almeno i play out».

 

 

Print Friendly, PDF & Email