Rocca Priora, va in pensione il Comandante D’Avanzo

Rocca Priora saluta il Comandante D'Avanzo che conclude il suo incarico, mercoledì 7 marzo il Consiglio Comunale straordinario

0
273
roccapriora
Castello Savelli a Rocca Priora

Dopo 23 anni di carriera come comandante della stazione di Rocca Priora, il prossimo 7 marzo, alle ore 10, presso la sala consiliare di Palazzo Savelli, la comunità roccapriorese si prepara a salutare il Maresciallo Michele D’Avanzo per il suo pensionamento. L’Amministrazione ha voluto convocare un Consiglio Comunale straordinario per ringraziare e salutare ufficialmente il Luogotenente che per tanti anni ha servito la città e che in tanti apprezzano e stimano per la grande sensibilità e professionalità nel servizio. «Il ruolo ricoperto dal Maresciallo D’Avanzo – spiega il Sindaco Damiano Pucci – è di importanza fondamentale soprattutto in comunità come la nostra in cui, oltre al semplice servizio da svolgersi con professionalità è necessaria anche una buona dose di sensibilità. Dopo tanti anni alla guida della stazione di Rocca Priora, il Comandante D’Avanzo è riuscito, con i suoi modi sempre gentili, a farsi apprezzare da tutti coloro i quali lo hanno conosciuto. Sono lieto – conclude il primo cittadino – di aver instaurato non solo un rapporto di grande e proficua collaborazione ma anche di rispetto e profonda stima verso un uomo che ha dato così tanto alla nostra città. Doverosa dunque una cerimonia come quella di mercoledì che testimonierà quanta riconoscenza ha Rocca Priora nei confronti del Maresciallo D’Avanzo». Si unisce al Sindaco anche l’assessore Massimo Fedeli che, in una breve dichiarazione ha così commentato il saluto al Comandante di stazione: «Il lavoro svolto dal Maresciallo D’Avanzo è sotto gli occhi di tutti e sotto gli occhi di tutti è la sua professionalità e grande umanità. Posso inoltre dire di aver da subito instaurato un ottimo rapporto con il Comandante basato sulla reciproca stima. Sarà un piacere ringraziarlo personalmente mercoledì e salutarlo con tutto l’affetto che merita».

Print Friendly, PDF & Email