Rocca Priora, rimossi dal territorio 15 quintali di amianto

0
683
amiantoroccapriora
Rimosso Amianto a Rocca Priora
amiantoroccapriora
Rimosso Amianto a Rocca Priora

Rimossi dal territorio 15 quintali di amianto. L’Assessore alle Politiche Ambientali, Anna Gentili: “Pronto un censimento e una campagna di sensibilizzazione per la cittadinanza”.

Dopo l’annuncio di dismissione degli impianti di telefonia mobile, continua incessante il lavoro del Comune di Rocca Priora nell’ambito delle politiche ambientali. Proprio in quest’ottica, il Comune di Rocca Priora ha firmato un protocollo d’intesa con una ditta specializzata per la rimozione dei rifiuti speciali, affidandole il compito di rimuovere e bonificare la zone interessate dal fenomeno di abbandono di amianto.

Nella giornata dell’11 e 12 Aprile si è proceduto alla rimozione di questo pericoloso rifiuto. Sono stati rimossi in tutto circa 15 quintali di amianto. “È stato monitorato l’intero territorio comunale e sono state individuate 8 zone sulle quali intervenire – spiega il Sindaco di Rocca Priora, Damiano Pucci. – Il fenomeno di abbandono di amianto interessa soprattutto le zone di confine con il Comune di San Cesareo e Rocca di Papa. La rimozione dell’amianto ha seguito in maniera puntuale tutta la procedura: dall’interessamento da parte dell’Asl fino all’ottenimento dei pareri prima della rimozione”.

Al fine di limitare il fenomeno di abbandono di amianto, l’Amministrazione comunale di Rocca Priora sta pensando di istituire un registro presso gli uffici comunali ove i cittadini possono dichiarare o meno la presenza di amianto nelle proprie abitazioni. “Si provvederà a incentivare le famiglie ad entrare a far parte dell’albo e ottenere la rimozione dell’amianto in quota parte – aggiunge l’Assessore all’Urbanistica e alle Politiche Ambientali di Rocca Priora, Anna Gentili. – Un contributo importante da parte dell’Amministrazione comunale teso a ridurre drasticamente il fenomeno di abbandono di amianto. Con questo censimento speriamo di disincentivare l’abbandono incontrollato del rifiuto. Riteniamo, infatti, di fondamentale importanza conoscere dettagliatamente la presenza dell’amianto sul territorio comunale al fine di evitarne la dispersione”.

Print Friendly, PDF & Email